Lavoro

Protesta addetti alle pulizie dopo il nuovo appalto, la società: “Contratto è quello del nostro settore, impegno a mantenere livelli occupazionali”

Addetto servizi pulizie
La società "Le Soluzioni" risponde alle organizzazioni sindacali promotrici del sit-in dei lavoratori
scrivi un commento 57

In merito alla mobilitazione di ieri del personale del servizio di pulizia di due hotel a Bari, la società Le Soluzioni replica a sindacati e lavoratori. «In relazione alla notizia apparsa sul vs sito di informazione – scrive in una nota l’azienda – relativa allo stato di agitazione promosso dalla CGIL – CISL – UIL presso il NICOLAUS HOTEL DI BARI vogliamo precisare che: la società Le Soluzioni ha sottoscritto un contratto di servizio di housekeeping da svolgersi presso le strutture Nicolaus ed HI HOTEL di Bari a partire dal 01.06.2022 la società LE SOLUZIONI Scarl è stata invitata, presso la sede della CgiL il 30 maggio 2022 per discutere di un eventuale accordo avente ad oggetto i rapporti di lavoro dei dipendenti in forza sulla società uscente fino al 31 maggio 2022. Si fa notare che l’incontro è avvenuto due giorni prima dell’inizio del nuovo appalto. La società LE SOLUZIONI ha partecipato all’incontro senza avere in quel momento e senza avere neppure adesso ricevuto un qualsivoglia documento che illustrasse la situazione del rapporto lavorativo dei dipendenti quindi era ed è allo scuro dei trattamenti retributivi, dei livelli di inquadramento e di ogni altro elemento che regolava e regola il rapporto esistente dei soggetti con la società uscente. La scrivente ha avuto a sua disposizione solo e soltanto un elenco nominativa con la suddivisione tra dipendenti a tempo indeterminato e dipendenti intermittenti. La società LE SOLUZIONI opera nel settore delle pulizie e non nel settore turismo ed è per questo che adotta il CCNL MULTISERVIZI UGL e non il contratto TURISMO richiesto dai sindacati non applicabile a società come la nostra per i servizi di pulizia. Secondo la normativa vigente il CCNL vincola chi lo adotta e siccome per legge non può essere imposto a nessuna società non può produrre effetti su chi ha deciso di adottare un CCNL diverso. Per quanto appena scritto, l’obbligo di assunzione previsto nel CCNL TURISMO in caso di cambio di gestione dei servizi obbligherebbe solo un’altra società che adottasse lo stesso contratto, nella fattispecie Le Soluzioni adottando un CCNL diverso non si trova obbligata in nessun modo al mantenimento dei dipendenti in forza presso la società uscente. Pur non avendo nessun obbligo, Le Soluzioni, ha espresso la volontà di mantenere i livelli occupazionali assumendo tutti i dipendenti in forza presso la società uscente, mantenendo il contratto indeterminato per chi già aveva un rapporto indeterminato e stabilizzando gli intermittenti con un contratto a tempo determinato. Sempre nel rispetto delle leggi e della normativa vigente la società Le Soluzioni ha espresso la decisione di istaurare rapporti ex novo così come la legge indica. Ancora nel completo rispetto della legge, la scrivente ha seguito la procedura prevista in caso di mancato accordo, la mattina del giorno 31 maggio 2022 ha prima contattato telefonicamente e poi a mezzo pec l’Ispettorato del Lavoro di Bari per richiedere un incontro che possa avere come intento l’ottenimento di un accordo tra le parti. Quanto sopra per onore di verità e per far capire, in parte, la successione degli eventi».

mercoledì 1 Giugno 2022

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti