Attualità

Ex Brsi Bitritto, il giudice dà ragione ai lavoratori: stop ai licenziamenti

La Redazione
Sono 78 i dipendenti dell'ex società di assistenza informatica che avevano ricevuto le lettere di licenziamento, dopo l'annullamento da parte del giudice del lavoro dell'obbligo di trasferimento in Sicilia da parte di Brsi
scrivi un commento 173

Annullati i licenziamenti dei 78 dipendenti dell'ex Brsi di Bitritto. Come riportato dalla Fiom in una nota, infatti, il Tribunale di Bari ha disposto il reintegro per i dipendenti che avevano ricevuto le lettere di allontanamento. Un provvedimento seguito all'obbligo di trasferimento in Sicilia per gli stessi impiegati nella società di assistenza informatica per grandi enti, anch'essa annullata da una sentenza del giudice del lavoro. "Il valore di questa sentenza – spiegano Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom-Cgil, Valentina Orazzini, coordinatrice DXC Technology per la Fiom-Cgil nazionale e Ciro D'Alessio, segretario generale di Fiom Bari  – è rappresentato dal fatto che viene smascherata una finta reindustrializzazione". "Dopo le denunce intentate dalla Fiom Cgil di Bari, che nei mesi scorsi avevano bloccato i trasferimenti dei lavoratori occupati a Bitritto (Bari) verso la nuova sede di Misterbianco (Catania) – ricordano i sindacalisti – , il provvedimento di oggi certifica che l'operazione fraudolenta ai danni dei lavoratori parte dalla cessione di ramo d'azienda da parte di DXC Technology verso la Salmo Services. Un'operazione che, come più volte dimostrato, nascondeva l'intento di 'scaricare' 106 lavoratori". "La sentenza di oggi – concludono – ha un valore reale e simbolico importantissimo e sarà da monito a tutte quelle imprese, che mettendo in campo azioni poco chiare fatte di cessioni di rami con reindustrializzazioni che non partono mai, come è avvenuto in diversi casi al Sud, pensano di fare impresa e quindi profitto sulla pelle delle lavoratrici e dei lavoratori. Alla DXC Technology chiediamo, in attuazione della sentenza di oggi, di aprire immediatamente un tavolo di confronto sul reintegro delle lavoratrici e dei lavoratori".

giovedì 26 Maggio 2022

(modifica il 10 Giugno 2022, 10:33)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti