Attualità

Giornata internazionale degli Infermieri. Sanguedolce: «Grazie per essere ovunque»

La Redazione
Giornata simbolica che nella ASL trova significato nell'avvio di progetti legati al potenziamento della assistenza infermieristica negli ospedali e nei servizi sanitari territoriali e nell'aggiornamento della formazione
scrivi un commento 107

Nelle corsie di ospedale, in sala operatoria, nei distretti socio sanitari, a bordo delle ambulanze del 118, nei piccoli e grandi ambulatori. Gli infermieri, come recita il motto della Giornata Internazionale a loro dedicata, sono “Ovunque, per il bene di tutti”. Una giornata simbolica che nella ASL di Bari trova significato anche nell’avvio di progetti legati, da un lato, al potenziamento della assistenza infermieristica non solo negli ospedali ma anche nei servizi sanitari territoriali a vantaggio dei cittadini e, dall’altro, all’aggiornamento della formazione. Chiusa la fase emergenziale della pandemia Covid, la ASL – che di recente ha assunto i primi 127 infermieri vincitori del concorso unico regionale – ha infatti intrapreso un percorso di valorizzazione della professione infermieristica che consiste nel mettere la figura dell’infermiere al centro di innovativi modelli organizzativi, svilupparne nuove competenze specialistiche e nella promozione della autonomia professionale.

 “Grazie agli infermieri per essere ovunque e per essere stati in prima linea durante la pandemia – commenta il dg ASL Bari, Antonio Sanguedolce – nelle corsie degli ospedali, nei pronto Soccorso, a bordo delle ambulanze del 118, nei centri vaccinali, nei centri di accoglienza, a domicilio, nelle Rsa, e ancora nelle strutture residenziali. La nostra programmazione è dedicata alla crescita degli infermieri – prosegue – e per investire sulle competenze professionali durante il tirocinio degli studenti del Corso di Laurea in Infermieristica la Asl sta inserendo tutor clinici dedicati esclusivamente alla formazione”. I tutor clinici sono infermieri dedicati alla presa in carico degli studenti dei corsi di laurea in Scienze infermieristiche per svolgere laboratori pratico-teorici, identificare gli obiettivi professionalizzanti e strutturare l’apprendimento durante il periodo di tirocinio. Simbolica ma piena di significato, infine, è stata la cerimonia di consegna oggi dei camici da parte del Direttore Sanitario della ASL Bari, Danny Sivo, agli studenti del primo anno del Corso di Laurea in Infermieristica del Polo formativo della sede del “Di Venere”, pronti per affrontare il tirocinio nelle unità operative. “Siete i professionisti del futuro, oggi avete il compito di studiare e di formarvi – ha detto Sivo – domani avrete la responsabilità di curare le persone all'interno di un sistema sanitario di tipo universalistico. Sarete parte integrante – ha aggiunto –  di una sanità che garantisce cura e assistenza a tutte le persone, senza alcuna distinzione: questa è una grande responsabilità di cui avere altrettanta consapevolezza”.

giovedì 12 Maggio 2022

(modifica il 10 Giugno 2022, 10:35)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti