Attualità

Over 80 e fragili dai 60 anni in su: al via la quarta dose anti-Covid

La Redazione
Vaccino anche per gli ospiti delle Rsa. Da oggi le somministrazioni, senza prenotazione
scrivi un commento 147

Da oggi in Puglia via libera alle somministrazioni delle quarte dosi di vaccino antiCovid anche per gli ultraottantenni, per gli ospiti dei presidi residenziali per anziani, e per tutte le persone di età compresa fra i 60 e gli 80 anni che presentino specifici fattori di rischio per la progressione a Covid-19 severo. Lo ha deciso ieri il dipartimento regionale per la salute che ha inviato una circolare ai direttori generali delle Asl che dovranno assicurare l’organizzazione del lavoro e delle attività vaccinali, in attuazione delle disposizioni ministeriali, dopo il benestare dell’Aifa dell’11 aprile scorso. Le categorie indicate potranno accedere alla seconda dose booster di Pfizer o Moderna «a distanza di almeno quattro mesi dal primo booster – spiega il direttore generale del dipartimento, Vito Montanaro – senza necessità di prenotazione e secondo modalità organizzative definite da ciascuna Asl per le diverse categorie di soggetti, nonché dagli ospedali e dai centri di cura». Le Asl potranno organizzare delle giornate dedicate o accessi differenziati. Gli over 80 che sino ad oggi hanno fatto la terza dose di richiamo sono 245 mila con una copertura dell’88%.Obiettivo della Regione Puglia è «incrementare i già ottimi livelli di copertura di soggetti con ciclo vaccinale primario completato e con somministrazione della prima dose booster (89% per gli over 60), in quanto elemento di protezione efficace da tutte le varianti Omicron del virus Sars-CoV-2, mentre l’offerta della seconda dose di richiamo sarà destinata alle persone più esposte appartenenti alle categorie sopra indicate». Le Asl pugliesi dovranno garantire l’organizzazione delle somministrazioni nei Punti vaccinali distribuiti sul territorio «al fine di raggiungere anche per la seconda dose booster una copertura ottimale» si legge in una nota della Regione che conferma il coinvolgimento attivo nella vaccinazione anti Covid-19 dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta. La somministrazione delle quarte dosi per le fasce di età e le categorie a rischio autorizzate dall’Aifa arriva in un momento delicato per la Puglia dove, anche se si registra, come in tutta Italia, un calo di nuovi contagi e dei ricoveri, è ancora alto il numero dei decessi.

mercoledì 13 Aprile 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti