LA PARTITA

Bari inguardabile, festa rinviata

La Redazione
Atteggiamento inspiegabile della squadra di Mignani che manca il primo match point promozione non sfruttando il concomitante pareggio del Catanzaro in casa Juve Stabia
1 commento 87

Bari-Fidelis Andria 0-0

BARI (4-3-1-2): Polverino, Celiento (21’ st Belli), Terranova, Gigliotti, Mazzotta, Maita (21’ st Bianco), Maiello, D’Errico (21’ st Mallamo), Galano (35’ st Simeri), Antenucci (27’ st Citro), Cheddira. A disp.: Frattali, Di Cesare, Botta, Misuraca, Scavone, Ricci, Paponi . All. M. Mignani.

FIDELIS ANDRIA (4-2-3-1): Saracco, Carullo, Benvenga (36’ st Bortoletti), Urso (44’ st Ortisi), Monterisi, Ciotti, Casoli, Nunzella, Bonavolontà, Alcibiade, Sorrentino (33’ st Messina). A disp.: Vandelli, Paparesta, Legittimo, Bolognese, De Marino, Riggio, Di Schiena, Cirillo, Calamita. All. N. Di Leo.

ARBITRO: Tremolada di Monza.

NOTE: Spettatori 24.332 (430 abbonati); settore ospiti esaurito (967). Rec. 5’ st.

BARI – Un Bari irriconoscibile fallisce il primo match point per staccare il biglietto promozione impattando 0-0 contro la Fidelis Andria. Non una prova all'altezza delle aspettative sia per il concomitante pareggio del Catanzaro in casa Juve Stabia che per la risposta della piazza pronta a brindare la B e, invece, rientrata delusa e amareggiata. Per questo derby contro la Fidelis Andria si supera quota 24.000 biglietti venduti: migliore dato di presenze negli ultimi otto anni di C. Al San Nicola oltrepassata anche la quota dello scorso Bari-Foggia.
La cronaca della partita. Ben 43 punti distanzanziano le due squadre. Nel Bari, Polverino tra i pali. Celiento e Mazzotta terzini con Terranova e Gigliotti centrali. Maita, Maiello e D’Errico in mediana. Galano dietro le punte Antenucci e Cheddira. Tanti gli assenti in casa della Fidelis a caccia di punti salvezza. Per salire in B col conforto della matematica bastano tre punti anche alla luce dell'1-1 del Catanzaro secondo in casa della Juve Stabia nel match delle 14.30.
Il primo tempo dei biancorossi lascia un poco a desiderare sul piano del carattere e del gioco. Merito anche di una Fidelis che si disimpegna come può.
Al 2’, una timida incursione di D'Errico manda Mazzotta al cross. Maita tira a botta sicura ma trova il miracoloso intervento di Monterisi. Segue uno scambio Galano-Celiento con Cheddira che stacca di testa sul portiere (10’). Poco fortunata la successiva combinazione tra Antenucci e lo stesso Cheddira. Mignani cambia due terzi del centrocampo inserendo Bianco e Mallamo per Maita e D’Errico. In difesa, Belli rileva Celiento. Prima della mezzora, dentro pure Citro per Antenucci. Poi tocca anche a Simeri per uno spento Galano. I cambi sono lo specchio di un Bari inconcludente che non riesce proprio a cavare un ragno dal buco. Per il colpo di coda decisivo serve ben altra testa. A cominciare dalla prossima trasferta di Latina dove, si spera, si chiuda il cerchio.

domenica 27 Marzo 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
1 Comment
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Stefano
Stefano
3 mesi fa

Quello che non ho capito è perché abbiamo giocato con la maglia del Lanerossi Vicenza.