Attualità

A Bari, davanti ai cancelli delle fabbriche, la Giornata per ricordare le vittime innocenti di mafia

La Redazione
L'evento barese, successivamente, si è collegato con Napoli, dove ha avuto sede la manifestazione nazionale promossa da Libera
1 commento 95

Si è appena concluso il 21 marzo di Libera Puglia con le lavoratrici e i lavoratori della Zona Industriale di Bari a rischio licenziamento. La mattinata è iniziata con un intervento del referente di Libera Puglia, don Angelo Cassano, che ha rivolto subito il saluto di Libera ai familiari delle vittime innocenti delle mafie presenti alla manifestazione. Ha ricordato, inoltre, il recente incontro del 4 marzo di lavoratrici e lavoratori con don Luigi Ciotti, che aveva ascoltato il grido di dolore di uomini e donne che hanno espresso la loro difficoltà nel portare avanti la famiglia e il quotidiano. Sono 39 i tavoli di crisi attualmente attivi in provincia di Bari. "Oggi è importante vivere il 21 marzo con tutti, anche con gli studenti", ha dichiarato don Angelo Cassano. "La lotta la fanno i magistrati, alcuni dei quali presenti, le forze dell'ordine, ma non solo. Come società civile, grande attenzione va posta sul tema della povertà educativa, che va contrastata per sottrarre i ragazzi dalle grinfie dei mafiosi.  La mafia si sconfigge anche sul tema della cultura del lavoro, perciò oggi siamo qui a leggere i 1055 nomi delle vittime innocenti delle mafie." Per il sindacato la "lotta alla mafia si fa anche combattendo le disuguaglianze, con il lavoro, tutelato e di qualità, e con un differente modello di sviluppo a vantaggio dell'ambiente e delle persone". L'evento barese, successivamente, si è collegato con Napoli, dove ha avuto sede la manifestazione nazionale.

lunedì 21 Marzo 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
1 Comment
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Franco
Franco
3 mesi fa

Vorrei che don Angelo ci spiegasse un po' meglio il nesso tra le vittime di mafia e la perdita del posto di lavoro, perché molti non lo hanno capito.