Cronaca

Controlli agli autolavaggi, sequestri e sanzioni

La Redazione
Bilancio dell'attività dei Finanzieri del Gruppo pronto impiego di Bari
scrivi un commento 1091

Finanzieri del Gruppo pronto impiego di Bari, a partire dallo scorso mese di febbraio, sono stati impegnati in un’intensa attività di polizia ambientale a contrasto degli illegali sversamenti delle acque reflue, nel sottosuolo o nella rete fognaria, da parte di numerose attività di autolavaggio a bari e nell’area metropolitana

Gli autolavaggi producono rifiuti liquidi costituiti dalle acque reflue industriali che vengono spesso convogliate, in maniera illecita, direttamente nella rete fognaria senza un preventivo trattamento di depurazione, oppure in vasche a tenuta stagna che difettano di adeguata impermeabilizzazione, consentendo in tal modo il pericoloso sversamento dei liquidi.

Per questo è stata condotta un’approfondita e mirata analisi, che si è avvalsa di notizie acquisite giornalmente durante i servizi di controllo economico del territorio. Le ispezioni si sono concluse con numerosi sequestri penali e sanzioni pecuniarie.

Quattordici persone sono state denunciate, con il sequestro di 13 aree industriali e artigianali vaste complessivamente 4.430 metri quadrati. Sigilli anche a un’area di 400 metri quadrati adibita a discarica abusiva e soggetta a vincoli urbanistici ed idrogeologici, a 255 attrezzature di lavorazione (vasche, aspirapolveri, idropulitrici, impianti di autolavaggio, elettropompe, compressori) e 37 tra locali, prefabbricati, gazebo e tecnostrutture. Le sanzioni ammontano, in totale, a 368mila euro.

venerdì 6 Ottobre 2017

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti