Attualità

Rifiuti, rinviata l’ecotassa

Luca De Netto
Proroga passata a maggioranza, ma con il voto contrario dei vendoliani
scrivi un commento 42

E’ difficile capire se il grido d’allarme lanciato dall’Adiconsum di Puglia, sia stato determinante per far reagire le forze politiche, ma certo è che in Commissione Bilancio è stata votata a maggioranza la proroga di un anno l’entrata in vigore della cosiddetta “eco-tassa”.
In effetti, l’ Adiconsum di Puglia era intervenuta con forza per bocca di Giovanni d’Elia, suo referente regionale, che aveva parlato di vero e proprio salasso per i pugliesi l’insieme della spesa relativa alla vecchia Tarsu.

Così il rinvio dell’ecotassa è passata a maggioranza, ma con il voto contrario dei vendoliani, questione che non è certo passata inosservata, tant’è che Il Consigliere Regionale del Gruppo Consiliare “Puglia Prima di Tutto” Andrea Caroppo ha parlato di vero e proprio “atto dovuto nei confronti di comunità già troppe oberate di tasse e di oneri”.

In realtà, in Commissione è stato respinto l’emendamento che rinviava al 2015 l’entrata in vigore dell’aliquota massima dell’ecotassa per i comuni in prima Commissione consiliare, con all’Ordine del Giorno il parere sulle “Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2013 e pluriennale 2013-2015 della Regione Puglia”, presentato dal Consigliere Francesco Laddomada de La Puglia per Vendola, che, pur non essendo componente della prima commissione, era stato sollecitato dalle esigenze e necessità dei comuni, che non hanno raggiunto il 40% di raccolta differenziata.
“Le ragioni della mia richiesta di posticipo di ben due anni dell’ecotassa – ha spiegato Laddomada – tengono conto da un lato della circostanza che dalla prossima primavera entrerà in vigore la Tares, dall’altro della grave difficoltà economica che i sindaci sono costretti a fronteggiare alla luce delle  penalizzazioni economiche e normative previste dal governo nazionale”.

Per Laddomada l’ecotassa, la cui ratio è di indurre i comuni alla raccolta differenziata, finisce, infine, per ricadere, di fatto, sui cittadini aggravando il già
insostenibile carico fiscale ai quali sono soggetti.

“Il mio emendamento, bocciato, perché è passato quello che ha previsto un solo anno di proroga – conclude Laddomada- richiedeva di posticipare l’entrata in vigore del tributo speciale di due anni per consentire ai comuni una più serena attività di programmazione economica e finanziaria”.

mercoledì 19 Dicembre 2012

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti