Politica

Ballottaggio del centro sinistra, si scaldano i motori a favore di Bersani

La Redazione
Emiliano invita l'API a votare il segretario del PD e SEL sollecita i suoi sostenitori. E a destra?
2 commenti 10

Mancano poche ore per sapere il nome definitivo che si presenterà per la coalizione del centrosinistra nelle prossime elezioni politiche. Verrà fuori dal ballottaggio delle tanto volute primarie del centrosinistra.

Si contendono la candidatura Pierluigi Bersani, classe 1951, che dopo una variegata carriera politica è stato eletto segretario del Partito Democratico nel 2009 e il giovane Matteo Renzi, immediatamente secondo al primo turno delle primarie, attuale sindaco di Firenze, classe 1975, ribattezzato il “rottamatore” per la sua idea di “rottamazione senza incentivi” dei dirigenti di lungo corso del Pd.

I sondaggi e l’opinione pubblica danno per vincente il primo, forse per la sua esperienza politica, forse per paura delle idee quasi troppo innovative di Renzi, forse per un semplice timore di novità. Fatto sta che i personaggi politici locali non stanno esitando a incoraggiare il proprio seguito a sostenere il segretario del PD.

Primo fra tutti il Governatore della Puglia, Nichi Vendola, che suggerisce “Con il cuore e con la penna, votate Bersani”, e con lui Onofrio Introna, Presidente del consiglio regionale che pur sottolineando quanto “una attenta analisi del voto sia doverosa, così come è giusto riconoscere il grande consenso ottenuto da Vendola….…, con il suo risultato straordinario tenendo conto che SEL è un movimento più che un partito, ed è fuori dal Parlamento”, invita i cittadini a ritornare ai seggi domenica 2 dicembre e a dare “un opportuno e convinto sostegno a Pierluigi Bersani” vista la sintonia con le posizioni di Vendola e del segretario nazionale del PD, in tema di occupazione, lavoro, emigrazione, welfare, università, ricerca e parità di genere” conclude Introna.

A solleticare l’API Puglia e i suoi elettori, che al primo turno delle primarie hanno dato un importante sostegno a Bruno Tabacci, in favore questa volta di Bersani, invece, ci pensa il sindaco di Bari, e presidente del Partito Democratico pugliese, Michele Emiliano, sostenendo quanto il segretario del suo Partito è “la figura che meglio potrà tenere insieme e guidare una coalizione di governo. Bersani inoltre incarna una visione unitaria del nostro Paese, non si rivolge al Sud come se fosse un territorio da emancipare dall'alto verso il basso, ma riserva la medesima attenzione e considerazione a tutti i cittadini italiani".

Insomma, Renzi non è gradito tra le maggiori forze politiche della Puglia, mentre pare sia molto più amato a livello nazionale dagli elettori di centrodestra, forse più riformatori di quanto si possa immaginare.

Peccato però che concretamente i "vecchi" dirigenti del PDL vogliano evitare che si celebrino le primarie tra la propria coalizione che forse affermerebbero la candidatura di colei che sembra essere l’esatta figura speculare del Sindaco di Firenze.
E’ Giorgia Meloni, con la sua giovane età, la sua militanza e le sue idee rivoluzionarie ma non troppo, giusto quel che basta a riportare “sulla retta via” la nostra Italia, come avrebbe voluto il Sommo Poeta che, magari, compiaciuto, l’avrebbe ben vista come avversaria di quello che sarebbe stato, secoli dopo, il Sindaco della sua amata Firenze.

venerdì 30 Novembre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Teresa la vispa
Teresa la vispa
9 anni fa

E se lo dice Emiliano allora votiamo Renzi. Dopo Modugno aspettiamo che la gdf arrivi anche a Bari

bari domani
bari domani
9 anni fa

Rilassati,Bari non è Modugno,”p’mò”!!Li……le hanno combinate grosse!A Bari, per ora,non siamo arrivati a tal punto.Ma in questi casi, io non farei nemmeno processi e procedure varie…..in galera e tante “mazzate”nei reni.Immediatamente, senza “ma e se”, confisca totale di tutti i loro beni mobili ed immobili,donando il ricavato alla povera gente.”P’MO’!!(tradotto in italiano:per il momento).Baci e abbracci.