Attualità

San Nicola “punisce” Ryanair

Davide Impicciatore
La compagnia irlandese sotto l'occhio del ciclone per aver evaso almeno 12 milioni di euro
scrivi un commento 19

San Nicola non ha ancora digerito la frase shock della hostess Ryanair, proprio quella frase che ha fatto gridare allo scandalo e che ha danneggiato il turismo barese e pugliese più di uno tsunami.

Ora, però, mister Ryanair è proprio nei guai: secondo la procura di Bergamo il colosso dei cieli, che nell’aeroporto Karol Wojtyla di Bari-Palese ha ancora, nonostante tutto, uno dei più importanti scali del Sud Italia, avrebbe omesso il versamento dei contributi per aver assunto a Dublino 220 dipendenti di stanza a Orio al Serio assoggettandoli alla tassazione irlandese, che risulta essere più bassa di quella italiana, il 12% contro il 37% nostrano.

Per questo sono stati iscritti nel registro degli indagati Michael O’Leary, amministratore delegato della compagnia, e Juliusz Komorek, suo braccio destro per gli affari legali.

Lo stratagemma avrebbe portato alle casse dello Stato Italiano un danno di – almeno – 12 milioni di euro. Questa cifra, però, è stata stimata al ribasso: secondo gli ispettori della Polizia di Frontiera l’imponibile “evaso” sarebbe molto più consistente, con l’unico cavillo che non potrà più essere riscosso causa prescrizione.

La compagnia low-cost più famosa del web non ci sta e si difende, sostenendo che non spetta loro pagare tasse italiane poiché non hanno nella penisola una stabile organizzazione di servizio (e questo costringe gli utenti italiani a chiamare numeri esteri a cui risponde personale straniero o chiamare numeri a pagamento, portando le “spese di assistenza” a superare anche il costo stesso del singolo biglietto, n.d.r.) e i loro dipendenti lavorano su aerei irlandesi e non svolgono in Italia nessuna attività lavorativa.

Tuttavia nella realtà i dipendenti Ryanair, pur essendo lavoratori di diritto irlandese, lavorano in Italia, dove vivono (uno dei requisiti per l’assunzione è il domicilio entro un’ora dall’aeroporto bergamasco) e usufruiscono delle prestazioni sanitarie italiane. Quindi, secondo il pm e gli investigatori, la compagnia irlandese, a conoscenza dei fatti, oltre a pagare le tasse a Dublino avrebbe scaricato impropriamente i costi dell’assistenza sul sistema sanitario italiano, tutto rigorosamente a nostre spese.

 

giovedì 18 Ottobre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti