In collaborazione con Fiore di Puglia

Street food pugliese che ci piace: dai panzerotti ai taralli l’elenco è tutto da gustare

Street food pugliese che ci piace: dai panzerotti ai taralli l’elenco è tutto da gustare
Assaggiare panzerotti, focacce e taralli vuol dire conoscere solo una minima parte di tutto lo street food pugliese. Per non farvi trovare impreparati durante le vostre vacanze in Puglia, ecco il cibo da strada da conoscere
scrivi un commento 45

Focaccia, lo street food per eccellenza

Mangiare la focaccia, per i pugliesi, è un modo di essere: dalla sapiente miscela di semola di grano duro, acqua, patate, sale e olio nasce una bontà tutta da addentare (anche) mentre si è seduti in riva al mare. Se la vera focaccia barese prevede che sull’impasto ci siano tanti pomodori, origano e olive, tante altre sono le versioni diverse in tutta la Puglia. Perché non provarle tutte?

Panzerotto pugliese con pomodoro e mozzarella

Il panzerotto è un altro simbolo dello street food pugliese. erroneamente scambiato per un calzone napoletano, il panzerotto pugliese è realizzato con semola di grano duro, acqua, lievito, sale e olio extravergine di oliva.
Se la sua variante originale prevede che la mezza luna sia farcita con mozzarella e pomodoro, tante altre sono le varianti (da non perdere il panzerotto alle rape). Due gli avvertimenti necessari: non fidatevi di chi ve lo propone al forno e prestate attenzione a come lo mangiate! Per evitare di scottarsi con il ripieno bollente, i più esperti lo gustano con mani staccate dal busto, inclinato a 45 gradi e con gambe divaricate.

Panino col polpo, tradizione culinaria di Bari

Mangiato inizialmente durante la festa di San Nicola, il panino con il polpo è una tradizione profondamente radicata nei paesi sulla costa pugliese, ora tramandata al nord grazie a una nota catena di street food, dove è possibile assaggiare le più svariate versioni gourmet.
Impossibile non restare ipnotizzati dallo sbattimento del polpo appena pescato: oltre ad essere un motivo di sfida tra i pescatori del luogo, si tratta di folklore e socialità.

Pesce crudo: ricci, cozze e taratuffi

Guai a pensare al crudo pugliese come a delle spigole od orate appena pescate. Un altro grande classico del cibo da strada è quella di deliziarsi con ricci di mare, cozze crude, taratuffi e la versione ‘nature’ del polpo. La leggenda narra che se il pesce crudo barese viene accompagnato da una birra ghiacciata, si possano raggiungere vette di paradiso.

Altri fritti made in Puglia: Popizze & Sgagliozze

Il panzerotto non è l’unico cibo da strada pugliese fritto. A Bari è presente un altro mitico duo: quello delle popizze e delle sgagliozze.
Se le popizze, prima di essere immerse nell’olio bollente, vedono il suo impasto a base di farina, lievito, acqua e sale porzionato con un cucchiaio, le sgagliozze non sono altro che squisiti rombi di polenta fritta.
Vendute da chioschetti domestici, entrambi i prodotti sono serviti in coni da passeggio.

Bombette & Gnumareddi, carne al fornello in Valle d’Itria

Gli amanti della carne al fornello non dovrebbero avere dubbi su dove andare in vacanza in Puglia. In Valle d’Itria, infatti, è possibile consumare la carne appena acquistata accuratamente cotta nella brace del forno a legna presente in macelleria.
Tra i must di questa tradizione le bombette e gli gnumareddi: provare per restarne estasiati.

Pizza sfoglia, non chiamatela pizza rustica

Non chiamatela pizza rustica: la pista sfoglia della foggiana Ischitella vede nella sua ricetta l’impasto manuale di semola di grano duro, acqua e lievito madre. Dopo aver cotto il composto, prima di essere gustata, la pizza sfoglia deve essere condita con sale, olio e fiori di finocchio dolce selvatico e poi arrotolata a mo’ di spirale.
Presente a pieno titolo nell’elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Puglia, la pizza sfoglia è nata dalla volontà di preparare qualcosa di gustoso con quello presente in casa.

Rustico leccese, squisitezza ‘aristocratica’ di Puglia

Se tutti gli altri street food elencati sono costituiti da modesti ingredienti, il rustico leccese viene considerato un’eccezione.
Squisito spezza fame, questa specialità è realizzata da due dischi di pasta sfoglia che si chiudono attorno a un ripieno di besciamella, mozzarella, pomodoro e mozzarella, insieme a un po’ di pepe.
Come accaduto per gran parte dei prodotti pugliesi, anche il rustico leccese ha visto il proliferare di più varianti. Partire dalle basi, tuttavia, non vi farà pentire della scelta.

Pasticciotto con crema pasticcera e pasta frolla

Il pasticciotto con crema pasticcera e pasta frolla è un’invenzione della famiglia Ascalone, che si è inventata questo boccone goloso dal riciclo di scarti di lavorazione.
Nato a Galatina, grazioso paese del Salento, il Pasticciotto si è presto diffuso in tutta Italia. Per assaporare a pieno le sue origini, tuttavia, si consiglia di mangiarlo dove tutto è iniziato…

Taralli, perfetti per placare la nostalgia della Puglia

Il tarallo è lo street food perfetto per placare la nostalgia della Puglia. Questi deliziosi cerchi di pasta di pane, a prescindere che siano dolci o salati, sono considerati il trait d’union dell’intera cucina pugliese.
Fondamentali per la preparazione di un aperitivo, dove sono spesso accompagnati da olive, i taralli sono acquistabili ovunque: dai panifici ai supermercati c’è l’imbarazzo della scelta.
Ad accompagnare la versione tradizionale anche quelle più esotiche (come i taralli all’acciuga). L’attenzione di aziende come Fiore di Puglia, inoltre, permette anche ai celiaci di mangiare questo capolavoro pugliese, grazie alla sua versione senza glutine. Cosa c’è di più pratico e gustoso per placare la fame?

lunedì 30 Maggio 2022

(modifica il 4 Giugno 2022, 15:06)

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti