Cronaca

Caro-gasolio, la protesta dei pescatori: invasa la strada di accesso al porto di Bari

La Redazione
Ad impedire loro di attraversare la strada e quindi di bloccare l'ingresso del porto sono poliziotti e carabinieri in tenuta antisommossa, con caschi, scudi e manganelli.
scrivi un commento 175

Hanno invaso la carreggiata di accesso al varco portuale di Bari i pescatori delle marinerie pugliesi che da questa mattina protestano contro il caro-gasolio. Ad impedire loro di attraversare la strada e quindi di bloccare l'ingresso del porto sono poliziotti e carabinieri in tenuta antisommossa, con caschi, scudi e manganelli. "Siamo padri di famiglia, siamo esasperati, chiediamo solo di essere messi nelle condizioni di poter lavorare e dar da mangiare ai nostri figli" dicono, con striscioni e megafoni. Gli animi si sono un po' scaldati per qualche minuto ma, dopo una breve interlocuzione con gli agenti della Digos, i manifestanti hanno sciolto il cordone davanti alle forze dell'ordine. Intanto una delegazione di pescatori di Manfredonia si è spostata nel palazzo della Regione per incontrare il dirigente del dipartimento Agricoltura Gianluca Nardone, il vicecapo di gabinetto Domenico De Santis. Si collegherà l'assessore regionale all'Agricoltura Donato Pentassuglia.

venerdì 27 Maggio 2022

(modifica il 10 Giugno 2022, 10:33)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti