LO SPONSOR

Molino Casillo, main sponsor Ssc Bari dal 2022/23

La Redazione
Progetto di marketing pluriennale e grossi investimenti nelle casse biancorosse. Casillo: "Una piazza come Bari merita di tornare in A e non lasciarla mai più"
scrivi un commento 111

Molino Casillo sarà il main sponsor della Ssc Bari neopromossa in serie B. Entrato nella famiglia dei top sponsor biancorossi nella corrente stagione sportiva, sarà questo lo sponsor principale dei biancorossi per la stagione '22-'23.

La partnership è stata presentata oggi alla presenza del presidente Luigi De Laurentiis, insieme al presidente e amministratore delegato Casillo Partecipazioni Spa Pasquale Casillo, il vice presidente Molino Casillo Beniamino Casillo, il responsabile Commerciale SSC Bari Daniele Quarto e, in collegamento, il direttore commerciale e strategie Vito Maurogiovanni.

Le parole di Luigi De Laurentiis: "Inizia un nuovo corso – dice il presidente del Bari – . Casillo è una eccellenza locale e mondiale. Due famiglie del sud che insieme porteranno in alto i valori in cui crediamo entrambi. Vogliamo creare una case history, far parlare del Bari e di Casillo. Felice e orgoglioso, al di là della promozione, comincia oggi un nuovo corso insieme ad una grande eccellenza del nostro territorio, un brand internazionale come Casillo che diventa il nostro main sponsor. Continuiamo a costruire questo Bari, un passo alla volta, lo facciamo al fianco di una famiglia che, come la nostra, crede nei valori sani. Un calcio pulito, da riportare alle famiglie".

L'intervento dei Casillo che da top sponsor diventano main sponsor: "Siamo felici e orgogliosi di questa nuova avventura. Ci siamo avvicinati al Bari per gradi, siamo legati a questi colori da tempo, come tutta la nostra  famiglia. La famiglia Del Laurentiis si è presa questa grande responsabilità e noi siamo felici di essere al loro fianco. Il nostro marchio è quanto di più prezioso abbiamo e lo stiamo affidando nelle mani della famiglia di Luigi De Laurentiis con cui condividiamo valori, sportivi e non solo. Per noi è un passo non indifferente, non vogliamo solo esserci, ma esserci in maniera innovativa, attiva, per crescere insieme, noi, il Bari e il territorio tutto. Vorremmo scrivere una pagina nuova nel panorama delle sponsorizzazioni sportive. Ora godiamoci il momento, costruiamo un bel progetto, passo dopo passo, ma partendo da basi solide".

Due anni per preparare una successione? "Dateci il tempo di lavorare – dice De Laurentiis anche alla presenza del sindaco Decaro – per costruire questa città". L'idea di un Casillo campus, un centro sportivo ad hoc: "Ringrazio i giornalisti per la passione che mettono per il Bari – dice il presidente Casillo – ma c'è da dire che l'attività di gestione di una società professionistica di calcio è una professione a tutti gli effetti. E noi non vogliamo improvvisarci in questo. Le società di calcio vanno gestite con criteri manageriali e all'altezza dei tempi. Un'altra professione che al momento non sappiamo svolgere. Al momento affiancheremo Luigi De Laurentiis e c'è una esigenza delle strutture, come in tutta Italia. Anche il sindaco Decaro è interessato a questa iniziativa. Bari ha una grandissima storia nel settore giovanile che l'attuale società sta riprendendo". "Bisogna capire il momento – riprende De Laurentiis – . Sinora abbiamo investito tanti soldi, senza morire. Abbiamo 2.500 bambini della scuola calcio. Tutti si vestono col marchio del Bari e della loro città. Oggi sono vestiti di biancorosso. Bisogna capire dove investire. Oggi Casillo investe nelle casse del Bari".

I dettagli dell'accordo: "E' un contratto importante – dice Ldl – il più importante firmato ad oggi dal Bari. Un contratto pluriennale". "Quando parliamo di affiancamento – riprende Casillo – è perché il progetto Bari vuole essere un grande progetto di marketing sportivo. Abbiamo trovato nel Bari e in Luigi una cultura imprenditoriale davvero all'avanguardia. Questo ci ha stimolato a crescere come ruolo accanto al Bari. Vorremmo scrivere una pagina nuova nel campo del marketing sportivo e delle società di calcio. E avvicinare il Bari ai temi della sostenibilità e della responsabilità sociale. Scenari futuri? Perché guardare la fine di un matrimonio felice che comincia oggi? Una piazza come Bari merita di tornare in A e non lasciarla mai più".

 

venerdì 8 Aprile 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti