Cronaca

I furti nel Barese e poi la fuga con l’auto rubata: cinque arresti dei Carabinieri a Bari

La Redazione
Sarebbero responsabili di almeno quattro colpi (tra tentati e andati a segno) commessi nel 2020: tra gli indagati, del San Paolo e del vicino rione 'Cecilia' di Modugno, anche il 23enne rimasto ferito in un agguato a Bari
1 commento 282

I Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica del luogo, nella quale vengono riconosciuti gravi indizi di colpevolezza nel procedimento a carico di 5 soggetti indagati, a vario titolo, per “furto e tentato furto in abitazione”, “ricettazione” e “resistenza a pubblico ufficiale”. L’odierno provvedimento colpisce gli indagati, F.C.D. 43enne, P.T. 31enne, C.N. 23enne, P.G. 29enne e S.P. 20enne, dei quartieri “San Paolo” di Bari e “Cecilia” di Modugno (BA), i quali, in concorso tra loro, si sarebbero resi responsabili di due furti in abitazione e due tentativi di furto, commessi, nel mese di novembre 2020, a Binetto, Cassano, Toritto e Acquaviva delle Fonti. In particolare, secondo l’impostazione accusatoria accolta dal Gip, gli indagati a bordo di un’autovettura veloce di colore nero rubata, avrebbero commesso i colpi introducendosi nelle abitazioni individuate, asportando, in due circostanze, diversi monili in oro, mentre in altri due casi, non riuscendo nel loro intento per cause indipendenti dalla loro volontà. Determinanti per la ricostruzione dei fatti e l’identificazione dei soggetti sono state le immagini immortalate dai sistemi di videosorveglianza presenti nelle aree interessate. Tre degli indagati, tra l’altro, l’11 novembre 2020, dopo aver commesso un furto a Toritto, intercettati a bordo della citata autovettura nera da una pattuglia dei Carabinieri di Bari San Paolo, non si sarebbero fermati all’alt imposto loro dai militari, riuscendo con una manovra repentina e a forte velocità a darsi alla fuga. L’attività d’indagine, inoltre, ha consentito di recuperare parte dei monili in oro, oggetto di un furto in abitazione consumato il 20 novembre 2020 a Ruvo di Puglia (BA), che sono stati restituiti al proprietario. Dopo le formalità di rito, quattro dei destinatari del provvedimento cautelare – tra cui il 23enne che, il 19 marzo scorso, è stato ferito a colpi di arma da fuoco nel quartiere San Paolo – sono stati associati alla casa circondariale di Bari e Lecce mentre S.P. è stato posto agli arresti domiciliari.

sabato 2 Aprile 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
1 Comment
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Maria P.
Maria P.
3 mesi fa

Ai domiciliari? E che bisogna fare per essere incarcerati?