Attualità

Sequestro da 1 milione di euro a pregiudicato: c’è anche un noto garage e una villa a Torre a Mare

La Redazione
Il sequestro nei confronti di Giuseppe Di Cosimo, 66enne già gravato da condanne per associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, contrabbando di sigarette, furto e ricettazione
scrivi un commento 246

Questa mattina i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comado Provinciale di Bari hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro di prevenzione, finalizzato alla confisca, emesso dal Tribunale di Bari su richiesta della Procura della Repubblica di Bari – Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di DI COSIMO Giuseppe, 66enne, già gravato da numerose condanne per associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, contrabbando di tabacchi lavorati esteri, furto e ricettazione. Secondo l’impostazione accusatoria, DI COSIMO Giuseppe, considerata figura di spicco nel panorama criminale del quartiere Madonnella, sarebbe riuscito nel tempo ad accumulare un ingente patrimonio, mobiliare e immobiliare, in parte “reinvestito” nel centralissimo “Garage Carulli”, formalmente intestato alla figlia, ma che, di fatto, sarebbe gestito in prima persona dal proposto. Il valore del patrimonio sottratto alla disponibilità dell’interessato e della sua famiglia è stimato in quasi un milione di euro, composto, oltre che dall’autorimessa “Carulli”, da diversi rapporti finanziari, autoveicoli e da una villa ubicata a Tore a Mare. L’odierno provvedimento, emesso dalla Sezione Specializzata in misure di prevenzione del Tribunale di Bari, accoglie la proposta della DDA della Procura della Repubblica di Bari, formulata sulla base degli accertamenti patrimoniali effettuati dalla Sezione specializzata del Reparto Operativo di Bari che hanno ricostruito sia la carriera criminale del proposto sia gli introiti dell’intero nucleo familiare. I militari, infatti, hanno posto al vaglio dell’autorità giudiziaria un corposo quadro indiziario in ordine all’illecita provenienza della ricchezza di DI COSIMO Giuseppe, accumulata nel corso di oltre un ventennio e che costituirebbe il compendio dei suoi traffici illeciti. La stessa villa di Torre a Mare, che da sola ha un valore stimato di circa 300mila euro, è risultata formalmente intestata a un soggetto che sarebbe stato, in passato, affiliato all’associazione per delinquere capeggiata proprio dal DI COSIMO, deceduto nel 2013. Poi, dopo la morte dell’uomo, era comparso un testamento olografo con il quale l’immobile veniva donato alla figlia del proposto.

mercoledì 30 Marzo 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti