Attualità

La Regione Puglia dice sì alla rimodulazione dell’Irpef. Aumento per i redditi oltre i 50mila euro

La Redazione
Sulle prime due fasce (0-15 mila euro e 15-28mila euro) non cambia nulla: si pagherà la stessa imposta. Cambia qualcosa sulle altre due fasce. Il gettito (le entrate per la Regione) non cambia
scrivi un commento 145

Approvata in Consiglio regionale la legge che adegua alle norme statali le disposizioni pugliesi sull’addizionale regionale sull’Irpef. Il via libera è arrivato a maggioranza, con astensione o voto contrario dell’opposizione. La legge regionale si adegua alla decisione statale di ridurre da 5 a 4 gli scaglioni di reddito sui quali calcolare le imposte. L’addizionale regionale è stabilita dallo Stato (1,23%) ma le Regioni possono applicarvi delle aliquote aggiuntive. In Puglia tali aliquote aggiuntive c’erano e restano. Ma l’assessore al bilancio Raffaele Piemontese e la giunta hanno deciso una piccola rimodulazione per spostare i carichi tra gli scaglioni. Sulle prime due fasce (0-15 mila euro e 15-28mila euro) non cambia nulla: si pagherà la stessa imposta. Cambia qualcosa sulle altre due fasce. Tra 28 a 50mila cala l’aliquota e ci sarà una diminuzione media di circa 18 euro all’anno per ogni contribuente: sono interessati 326 mila pugliesi. Sull’ultimo scaglione invece l’aliquota sale con un incremento medio di tasse pari a 20 euro all’anno (fino a 75mila euro di reddito) e 47 euro (fino a centomila di reddito): interessati 75 mila pugliesi. Il gettito (le entrate per la Regione) non cambia.

mercoledì 23 Marzo 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti