INTERVISTA BIANCOROSSA

Mignani: “Partita importante, non decisiva”

La Redazione
Il tecnico spiega l'importanza e la delicatezza dell'incontro, ma crede nella forza della sua squadra
scrivi un commento 43

Michele Mignani alla vigilia del derby di domani al San Nicola contro la Virtus Francavilla. L'allenatore parte dal possibile rientro in squadra dell'argentino Botta: "Senza Botta – attacca Mignani – non ci siamo snaturati. Lui è diverso dagli altri calciatori in rosa e da' qualcosa di diverso. Non l'abbiamo avuto e abbiamo trovato soluzioni alternative con D'Errico, Mallamo e Galano. Abbiamo giocatori che danno un contributo con le loro caratteristiche. Se Botta torna domani è da valutare. Sta meglio, ma bisogna capire quanti minuti ha nelle gambe. Sarà a disposizione". 
"Tutte le partite – continua il tecnico puntando sul match contro i virtussini terza forza del girone C – sono importanti. Parliamo di quella contro la Virtus Francavilla, una partita importante per la classifica e per il valore dell'avversario. Sarà importante, ma non fondamentale. Per arrivare in alto, bisogna fare più punti possibili. E domani dovremo fare punti, contro un avversario che sta' bene. Il logo del Francavilla è meno conosciuto di altri, ma i numeri dicono che ha fatto bene e si giocherà la gara in maniera serena. Complimenti a loro per aver fatto un grande campionato".
Ma la capolista ha le sue arte da giocare: "Credo che la forza del Bari sia stata proprio l'intensità e la cattiveria sportiva messa in campo in ogni circostanza. Domani ritroveremo lo spirito visto nelle ultime due partite con intensità e furore agonistico. Del resto, ogni partita l'affrontiamo con la giusta pressione, un punto di forza e una motivazione in più. Chi allena e gioca nel Bari ha obiettivi importanti da raggiungere".
Francavilla formato casalingo avendo fatto meno punti in trasferta: "Abbiamo bisogno dello spirito di rivalsa rispetto alla sconfitta dell'andata. Loro sono cresciuti nel loro complesso. In casa, forse la Virtus si sente più a suo agio. La vedo come squadra organizzata e molto pericolosa. Ma noi andremo dritti per la nostra strada per fare tanti punti".
La condizione di Di Cesare: "Valerio sta bene, lo considero uno dei quattro difensori titolari. Per me lui vale come gli altri. Sceglierò domani chi far giocare dall'inizio". "Tutti – aggiunge – sanno che devono mettersi a disposizione della squadra, come accaduto molto spesso. Tutti sono titolari e poi in funzione del momento decido chi fare giocare. Mallamo, per esempio, ha dato tantissimo, mi darà il massimo come sempre a prescindere da quanto giocherà".
"Non c'è un momento dove non abbiamo giocato per non vincere la partita – puntualizza Mignani – . Occorre evitare di commettere errori di squadra e individuali che nell'ultimo periodo ci hanno penalizzato".
Su Galano: "Non so cosa gli manchi. Non penso che ci siano giocatori che ogni domenica possano determinare la partita. A parte Messi. Credo che Galano sia un giocatore di altra categoria. Il fatto di essere stato fermo tanto tempo e perso autostima lo avrà condizionato. Le sue qualità non sono in discussione. Lo stiamo mettendo in campo dove preferisce. A Foggia ha fatto una buona partita, al di là del clima in campo e sugli spalti. Alla fine, darà una motivazione al fatto che Polito lo abbia portato a Bari".
Il Bari è in testa da ventinove partite. Tutti parlano del Bari e del fatto che giochi male: "In tutta onestà – dice Mignani – non ci faccio per niente caso. Non mi va di ascoltare e rispondere a quello che dicono gli altri. Il mio Bari ha una rosa di giocatori importanti che ragionano con la stessa testa. E per fare ragionare tutti con la stessa testa occorre un allenatore che dia delle linee guida. Se siamo più avanti degli altri è merito mio, dei ragazzi e della società. Di quello che pensano gli altri non mi interessa".

venerdì 4 Marzo 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti