LA PARTITA

Bari e Antenucci, così si fa: la capolista torna a fare la voce grossa

La Redazione
Partita decisa in avvio di ripresa da Antenucci (14mo gol stagionale). Tante le occasioni sprecate dai biancorossi per raddoppiare e forse un gol di D'Errico non visto dalla terna arbitrale. Il vantaggio sul Catanzaro sale a più 6
scrivi un commento 40

Bari-Picerno 1-0
BARI (4-3-1-2): Frattali; Belli, Gigliotti, Terranova, Ricci; Maita (38' st Mallamo), Maiello, D'Errico (46' st Di Cesare); Paponi (1' st Cheddira), Galano (38' st Simeri), Antenucci (33' st Scavone). A disp. Polverino, Celiento, Bianco, Citro, Misuraca, Mazzotta, Pucino. All. Mignani.
PICERNO (4-4-2): Viscovo, Finizio (40' st Parigi), Piterresi (10' st De Ciancio), Esposito (26' st Vivacqua), Dettori (10' st D'Angelo), Gerardi, Garcia Rodriguez (40' st Allegretto), Regilando, De Franco, Viviani, Setola. A disp. Albertazzi, Vanacore, Ferrani, De Cristofaro, Alcide Dias,Carrà, Di Dio. All. Colucci.
ARBITRO: Bitonti di Bologna.
RETI: 2' st Antenucci. 
NOTE: Presenti 4.938 spettatori, di cui 430 abbonati e 28 ospiti. Rec. 4' st. 
BARI – Tre punti per ritrovare il sorriso. Tanto basta al Bari per brindare al ritorno alla vittoria nella sfida del recupero della 22ma giornata contro il Picerno, contesa decisa all'inizio del secondo tempo da Mirco Antenucci. Successo condido da una prova generale positiva, tantissime occasioni create sotto la porta lucana, forse anche un gol non visto dall'arbitro. Tanti ingredienti che soincidono con il più sei in classifica sul Catanzaro secondo che – in contemporanea – stecca pareggiando a Potenza.
Una cinquina di volti nuovi tra i biancorossi oggi in maglia azzurra. Terranova e Belli trovano posto in difesa accanto a Gigliotti e Ricci. In mezzo, la novità è Maiello play basso con Maita e D'Errico mezzale. Sorpresa Galano dal 1' dietro Antenucci ed il rirovato Paponi.
Il ritmo impresso alla gara dal Bari è accettabile. Buono il giro palla, ma scarseggiano le occasioni nitide vere e proprie. Sul taccuino, da registrare solo una inzuccata di Antenucci (cross di D'Errico) che al 28' che impegna Viscovo alla deviazione in angolo. Per il resto quasi il deserto, col Picerno sceso a Bari in stile scampagnata.
Atteggiamento che fa pagare dazio ai lucani già al 2' della ripresa col Bari rivitalizzato dall'ingresso di Cheddira: nel giro di 120 secondi offre l'assist che Maita sciupa sul portiere ed il servizio che invece Antenucci capitalizza con una sferzata radente a battere Viscono. Gol numero 14 in campionato per la punta molisana. Vantaggio che può aumentare se al 20' e al 21' Cheddira e Atenucci non fallissero due ghiotte occasioni: la prima di testa su cross di D'Errico e palla malamente al lato; la seconda, un missile dal limite dell'area di pochissimo alto. Lo spirito è quello giusto.
Tutto scorre liscio sino al minuto 28 quando D'Errico sigla il secondo gol biancorosso con la palla che rimbalza per due volte oltre la linea di porta dopo aver sbattuto sul palo da tiro a grande distanza. Per la terna si resta sull'1-0.
Nel frattempo, termina la partita di Antenucci rilevato da Scavone. Tocca anche a Simeri e Mallamo per Galano e Maita. Nel finale entra pura Di Cesare, mentre Simeri divora il bis calciando fuori una palla recuperata su fraintendimento tra difensore e portiere ospiti. L'ultimo brivido di un match che va in naftalina con tre punti importanti per il morale e per la classifica. Il migliore viatico per affrontare il derby di sabato prossimo a Foggia.

martedì 22 Febbraio 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti