INTERVISTA BIANCOROSSA

Mignani diviso tra Paganese e mercato: “Siamo contati, ma non mancano le soluzioni”

La Redazione
Il tecnico commenta la cessione di Marras al Crotone e l'arrivo di Maiello in biancorosso. Considerazioni anche su Di Cesare, Mallamo e Di Gennaro, con un occhio al mercato dove Polito sta recuperando un trequartista
scrivi un commento 37

Il pragmatiscmo di Michele Mignani per analizzare lo stato attuale del Bari diviso tra la partita di domani sul campo della Paganese e l'evoluzione delle operazioni mercato che chiuderanno i battenti tra due giorni. Questo e tanto altro nella conferenza stampa che il tecnico del Bari ha tenuto pochi minuti fa prima dell'ultimo allenamento alla vigilia del ritiro pre pre partita. "Il mercato – attacca – non è ancora chiuso, ma se lo fosse oggi, in mezzo al campo abbiamo dei problemi per squalifiche ed infortuni. Abbiamo ceduto Lollo che non aveva minutaggio e preso un giocatore (Maiello, ndr) che potrà darci una grossa mano. Aspettiamo che Maiello arrivi per metterlo nelle condizioni migliori e per capire dove inserirlo. Può giocare da play, dove sinora si è adattato benissimo Maita. Davanti abbiamo perso un giocatore che voleva andare in B (Marras, ndr) e lo abbiamo accontentato. Polito sta valutando la possibilità di fare altro. Ma oggi pensiamo più alla partita di domani che al mercato".

Mignani analizza le condizioni fisiche di Paponi e Bianco e chiude ogni speranza di recupero per domani: "Hanno problemi muscolari non gravi, ma metterli a rischio domani non avrebbe senso. Al 99 per cento domani non ci saranno. Non vogliamo esporli al rischio di saltare partite successive". Ancora su Maiello: "L'ho incrociato di sfuggita un secondo fa. Devo capire come sta, ma è indubbio che ci serve da subito per come siamo messi in questo momento. Chi sa giocare a calcio ci mette un attimo ad inserirsi in un contesto. Marras – ripete Mignani – voleva giocare in categorie superiori. Chiunque non ha voglia e intenzione di rimanere a Bari per combattere per questa maglia è giusto che vada da un'altra parte. Ognuno nella vita fa le scelte che vuole. Col Catania ha giocato perché era un nostro giocatore e pensavo potesse darci una mano".

Le richieste di Mignani dal mercato: "Speriamo di recuperare Botta in tempi brevi. Ruben è uno tosto e recupererà prima di quello che pensiamo. I giocatori bravi le squadre se li tengono. Il trequartista può essere con caratteristiche diverse da Botta. Lo può fare un giocatore diverso, con meno qualità tecniche ma più corsa e inserimenti. Vediamo, valutiamo. In questo momento siamo un po' corti per gli infortuni e le squalifiche. Qualcosa troveremo per domani e sul mercato. Ma non ho preoccupazioni in questo senso. Tenere persone scontente non ha senso. Grossi scontenti non ce ne sono. Potrebbero esserci ancora due uscite". "Mallamo sta bene – aggiunge Mignani – e può fare trequarti come Scavone. Domenica ha dato dimostrazione che può fare tutti i ruoli di centrocampo, anche il trequarti".

Domani intanto c'è la Paganese. Le insidie all'orizzonte: "Ricordo bene la partita dell'andata. La Paganese propone calcio e Grassadonia ha un'idea di calcio. Rimanemmo in dieci e sbagliammo un rigore. Eravamo all'inizio di un percorso. Domani ci sono le solite insidie di una squadra che in casa ha fatto buona parte dei suoi punti. Ha giocatori esperti e giovani. Il risultato è apertissimo. Dobbiamo giocare con la mentalità della squadra che ha fatto quello che ha fatto e ce la giocheremo".

Due parole su Di Cesare: "Valerio sta bene – assicura il mister – e mi ha sorpreso il suo recupero fisico, ma non caratteriale. E' pronto per giocare uno spezzone di partita, potenzialmente anche dal primo minuto. Mancherà Pucino, ma Belli è una certezza e lo dimostra sempre. Farò scelte in funzione della gara e dell'avversario". E la chiusura su Davide Di Gennaro dopo la prova poco convincente contro il Catania: "Non è un ragazzino e sa benissimo che possono esserci alti e bassi Col Catania è stato condizionato da episodi negativi. E' un ragazzo che non si ferma davanti a due errori e alla fine la sua prestazione non era stata pessima. Essendo ammonito, l'ho sostituito. Ha reagito e su di lui ci saranno delle valutazioni in corso. Se è a disposizione, lo considero come tutti gli altri".

sabato 29 Gennaio 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti