Attualità

Parco della giustizia: primo lotto pronto entro giugno 2025. A giorni il bando per il progetto

La Redazione
L'Agenzia del Demanio ha presentato il cronoprogramma. Entro il prossimo novembre sarà approvato il progetto definitivo sempre del primo lotto, che dovrebbe ospitare Procura e Tribunale penale
1 commento 128

Dalla capitale è arrivata la conferma: il primo lotto del Parco della Giustizia di Bari non sarà consegnato prima del 30 giugno 2025. L'Agenzia del Demanio ha presentato il cronoprogramma, chiarendo che entro il prossimo novembre sarà approvato il progetto definitivo sempre del primo lotto, che dovrebbe ospitare Procura e Tribunale penale. Le notizie – preannunciate dal sottosegretario alla Giustizia, Francesco Paolo Sisto, durante l'inaugurazione dell'anno giudiziario – sono state confermate dopo l'incontro nella Capitale tra l'Agenzia del Demanio, il Comune di Bari e il ministero della Giustizia. Alla riunione hanno partecipato la direttrice dell'Agenzia, Alessandra dal Verme, lo stesso sottosegretario Sisto e i tecnici del ministero, il sindaco Antonio Decaro, il presidente della Corte d'appello di Bari Franco Cassano e il Commissario straordinario per l'opera Antonio Ficchì.  "Tra pochi giorni – riferisce una nota congiunta dei partecipanti – sarà pubblicato da parte del Demanio il bando per l'affidamento del progetto di fattibilità tecnico-economica dell'intero complesso e della progettazione definitiva. Sin da subito, inoltre, saranno avviate attività propedeutiche alla realizzazione dell'opera, che avrà un valore complessivo di 405 milioni di euro, quali la demolizione e bonifica del sito e la realizzazione del parco. Il cronoprogramma prevede due fasi: la "fase 1" passa dal concorso di progettazione all'approvazione del progetto definitivo del I lotto, con termine novembre 2022; la "fase 2" riguarda l'appalto integrato per progettazione esecutiva ed l'esecuzione lavori del primo lotto, Tribunale penale e Procura, e realizzazione del Parco". Pur confermando la consegna del primo lotto a giugno 2025, è stato messo nero su bianco "l'impegno della massima accelerazione per ridurre quanto più possibile  gli ultimi 6 mesi". Il cronoprogramma presentato dall'Agenzia, a partire dalla consegna del primo lotto, entro i primi 6 mesi del 2025, "è stato molto compresso – prosegue la nota – grazie all'utilizzo delle procedure semplificate e all'adozione di tecnologie costruttive e tecniche di organizzazione del cantiere che consentano di ottimizzare tutte le fasi".

lunedì 24 Gennaio 2022

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
1 Comment
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Franco
Franco
5 mesi fa

E intanto si continua a pagare il fitto alle torri ex Telecom, che sono proprietà di una immobiliare con sede in Lussemburgo. Come se niente fosse.