Attualità

Un giro in bicicletta per il bene di sé e dell’ambiente

La Redazione
I buoni propositi del circolo Legambiente "Eudaimonia" di Bari
scrivi un commento 109

Tra gli obiettivi circolo Legambiente “Eudaimonia” di Bari, da poco operativo sul territorio, la mobilità sostenibile, il verde urbano e l’innovazione ecologica.

In occasione della prima domenica green, che ha chiuso al traffico il lungomare barese, si è tenuta ieri una passeggiata in bicicletta, organizzata dal nuovo circolo.

Dopo la partenza da largo Due Giugno e il percorso sulla pista ciclabile di viale Unità di Italia, si è attraversato con fatica il sottovia di Sant’Antonio, su cui, ha fatto notare il circolo, «manca una rampa per permettere ai cittadini di arrivare in bici ed in sicurezza nel centro di Bari», illustrando così una prima possibile idea per migliorare la città. Poi, una volta arrivati sul lungomare, che, chiuso al traffico, è apparso simile ad un’oasi di pace in cui potersi rifugiare dallo stress di ogni giorno, il gruppo ha incontrato i cittadini intenti nelle loro passeggiate e attività domenicali.

L’assenza di auto, smog e rumori urbani, unita al senso di libertà e benessere che solo il mare può dare, ha reso l’evento particolarmente attrattivo per adulti e bambini. Tra cappellini e bandierine gialle, i ragazzi del circolo hanno avuto modo di presentarsi in una cornice perfettamente consona alla filosofia dell’associazione, confrontandosi con i cittadini baresi su idee, buoni propositi e qualsivoglia tematica afferente la tutela dell’ambiente.

Tema cardine della giornata, la voglia di promuovere l’idea di una “mobilità dolce” nella città, unita al desiderio di spronare i cittadini a lasciare le auto in garage, per cominciare a prendersi cura dell’ambiente, oltre che di sé.

Sul punto, «la città chiede nuove aree pedonalizzate come via Sparano e via Argiro», ha affermato il presidente del circolo, Roberto Antonacci, proponendo anche di pedonalizzare via Putignani e via Murat, facendo sì che quest’ultima strada possa proseguire come “greenway” tra il Park & Ride (o successive lottizzazioni) ed il Castello Normanno Svevo.

L’obiettivo della mobilità sostenibile si sposa con gli altri scopi del circolo, quali, hanno dichiarato i membri del direttivo, «una maggiore qualità e quantità di aree verdi, per la tutela della natura e della biodiversità, nonché un’innovazione ecologica abbinata ad un’occupazione sostenibile ed efficienza energetica».

martedì 23 Maggio 2017

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti