Cronaca

Annullate le elezioni dell’Ordine degli Avvocati. Stefanì: «Siamo preoccupati»

La Redazione
Verdetto della Cassazione. Le toghe baresi scriveranno al Consiglio nazionale forense e al Ministero della Giustizia
scrivi un commento 146

La Corte di Cassazione ha annullato le elezioni dell'Ordine degli avvocati di Latina e di Bari.

 

Le Sezioni Unite civili si sono espresse con due verdetti depositati il 31 gennaio e nella giornata di ieri.

La questione era stata sollevata da due diversi gruppi di avvocati laziali e pugliesi contro il Consiglio nazionale forense, che aveva respinto i reclami dei professionisti sul nuovo regolamento elettorale ministeriale del 10 novembre 2014.

«Prendiamo atto della sentenza della Corte, pur non condividendola, e la rispettiamo in quanto avvocati; la cosa che ci preoccupa adesso è capire come garantire la continuità di quelle attività istituzionali che l’Ordine è chiamato a svolgere in favore della collettività come il patrocinio a spese dello Stato e le difese di ufficio – commenta il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Bari, Giovanni Stefanì –. Allo stesso tempo siamo preoccupati per una eventuale battuta di arresto dei servizi in favore degli avvocati baresi».

«Non condividiamo questa sentenza – aggiunge – perché al momento delle elezioni il regolamento era vigente e non era stato ancora annullato. Siamo preoccupati perché con questa decisione si rischia di sospendere le attività dell’Ordine forense in favore degli iscritti e si privano gli avvocati baresi della loro istituzione in un momento di grande difficoltà e di grandi sfide per l’avvocatura barese. Preoccupa anche il rischio che siano sospese quelle iniziative di grande interesse sociale che l’Ordine di Bari aveva avviato, tra cui l’Organismo per la composizione delle crisi da sovraindebitamento, l'alternanza scuola lavoro e il fondo regionale di sostegno alla genitorialità degli avvocati e per il quale eravamo prossimi alla pubblicazione del bando per mettere a disposizione degli iscritti le somme già finanziate».   

«Oggi – conclude Stefanì – in sede di riunione del Consiglio abbiamo deciso di scrivere al Consiglio nazionale forense e al Ministero della Giustizia per sollecitare determinazioni sull'attività dei prossimi giorni, in attesa di capire quale sarà il destino dell’organismo barese. Al contempo ci auguriamo che venga risolta con altrettanta urgenza la questione delle regole elettorali perché il Foro barese possa tornare quanto prima ad avere una propria rappresentanza istituzionale».

giovedì 2 Febbraio 2017

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti