Cronaca

Rapina una kebabberia, arrestato sudanese

La Redazione
I reati contestati rapina aggravata, violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale
3 commenti 155

Ieri sera, poco prima della mezzanotte, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di prevenzione, gli Agenti delle Volanti hanno arrestato M.A., ventiseienne sudanese con permesso di soggiorno, perchè responsabile di rapina aggravata, violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Infatti, un equipaggio della Volante, mentre transitava in via De Cesare, ha notato un uomo, poi identificato quale titolare di una “kebabberia”, che dopo aver attirato l’attenzione degli agenti, ha riferito loro di essere stato poco prima rapinato da un uomo di colore, armato di un grosso coltello.

Ottenuta la descrizione del malfattore, gli operanti hanno compiuto una veloce perlustrazione della zona, riuscendo ad intercettare l’uomo, che, vistosi in trappola, ha afferrato il coltello a serramanico e lo puntava minacciosamente contro gli agenti. Alle ripetute intimazioni dell’equipaggio della Volante tese a far riporre l’arma a terra, il malfattore ha,poi, reagito lanciando il grosso coltello contro un agente, che è stato colpito pericolosamente sotto l’occhio destro. Gli operanti, dopo essere riusciti a bloccarlo ed arrestarlo, hanno accertato che il predetto, poco prima, in compagnia di altri tre soggetti, tuttora ignoti, si era introdotto nella “kebabberia”, e dopo aver preteso dal titolare, minacciandolo con il coltello, il confezionamento di alcuni panini, aveva sottratto dal frigorifero diverse bibite e si era dileguato con i complici, nonostante fosse inseguito dal titolare. L’arrestato è stato rinchiuso nella Casa circondariale del capoluogo

sabato 29 Dicembre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
3 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
BARI domani
BARI domani
9 anni fa

E vaaaiii!! L’irreparabile è appena incominciato. E sono tre in appena due giorni.La nuova malavita “italiana straniera”(barese nel nostro caso),da noi estinta alla fine degli anni settanta.”Entrano nel locale,si servono da soli come fossero i padroni,mangiano e non pagano e per finire,rapinano il gestore del locale, E FUORI AGGREDISCONO I POLIZIOTTI. Anni settanta a Bari!Chi se lo ricorda?Ma estinti quei locali malfattori,oggi hanno ripreso “quell’attività”,gli stranieri….si, stranieri…..io li chiamo così.Sbatteteli contro un muro e riempiteli di “mazzate nei reni” fino a quando non grideranno: VOGLIAMO TORNARE NEL NOSTRO PAESE ADESSO,QUI NON TORNEREMO PIU’….ABBIATE PIETA’ DI NOI. Sono io il razzista? ME NE FREGO!!! Ditelo all’agente che ha rischiato di perdere un occhio…” P’MMO’ “.

Francesco  Maiorano
Francesco Maiorano
9 anni fa

Le frasi forti di Bari Domani sono il segnale che la gente non ne può più di sopportare questo stato di cose.I soliti ipocriti grideranno allo scandalo ma non è così .La gente comune è stanca di questi signori che ,a differenza di tanti altri migranti che si sono ben integrati nella società italiana, sono dei veri deliquenti da respingere nei loro paesi.E poi si lamentano delle nostre carceri, del CIE ecc.Mandiamoli in Romania in quelle carceri , questi deliquenti rompono ed aggrediscono i nostri poliziotti poi ci aggrediranno nelle nostre case e questo che vogliamo ?

BARI domani
BARI domani
9 anni fa

Caro Maiorano,lo dico con profondo dolore impotente:italiani stiamo vicini,se possiamo! Va bene sfogarsi,avendone l’opportunità, con questi commenti,ma quando ti rendi conto che rimarrà solo cronaca del momento,allora la rabbia è forte ed è impotente.Altro dirti non so,tranne che augurarti un buon 2013.Estensibile a tutti e alla redazione di Barilive.