Politica

Centrosinistra: primarie per tutto, anche per i parlamentari

Luca De Netto
Le reazioni di PD e PDV
1 commento 3

E’ una sorta di effetto domino quello che si sta producendo nelle file del centrosinistra a seguito delle primarie per la scelta del candidato premier: infatti, dopo l’annuncio del Partito Democratico di affidare a questo strumento popolare anche la determinazione della lista dei parlamentari, anche la sinistra vendoliana si è schierata per questo sistema.
Così, il Presidente del Movimento regionale, Sebastiano Leo, l’assessore Dario Stefano e i consiglieri regionali Angelo Disabato, Anna Nuziello, Francesco Laddomada Giovanni Brigante de La Puglia per Vendola esprimono apprezzamento per la decisione del Presidente Nichi Vendola di confermare le primarie quale miglior strumento di democrazia per individuare i candidati parlamentari che formeranno le liste elettorali  per le prossime elezioni politiche.

<<Le primarie  -dichiarano gli esponenti della PPV- rappresentano la controffensiva della buona politica nei confronti di una legge elettorale che espropria il diritto dei cittadini di scegliere i propri rappresentanti nelle istituzioni. Un diritto/dovere che  sarà restituito ai cittadini per ridare slancio e forza alla democrazia e ai diritti civili e di libertà del nostro Paese. Il  29 e il 30 dicembre parteciperemo con la  stessa passione ed entusiasmo che hanno contraddistinto il nostro impegno  nelle “primarie Italia Bene Comune”, la straordinaria mobilitazione  popolare che ha  individuato il candidato Presidente del Consiglio del centrosinistra>>.  

Alla luce di ciò, si registra il commento entusiasta di Sergio Blasi, segretario regionale del PD: “Sono davvero felice, perché quello che sta producendo il Pd in queste ore rappresenta un fatto straordinario; stiamo provando a cambiare la politica in Italia. . Il fatto che immediatamente dopo di noi anche Sel abbia scelto di svolgere Primarie è il segno evidente di quello che dico.”
“Aspettiamo la direzione nazionale – ha concluso l’esponente democratico – che provvederà a licenziare il regolamento, – ha concluso Blasi -successivamente il 21 convocherò la Direzione regionale per definire entro il 23 le liste di candidati e candidate che sottoporremo all’elettorato. Sarà ovviamente garantita la parità di genere con la doppia preferenza.”

Nel frattempo, l’aria nel centrodestra è sempre più calda, con frammentazioni in vista e con l’ormai percepita scelta di non adottare lo strumento delle primarie per la selezione dei candidati.

sabato 15 Dicembre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
1 Comment
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Francesco Maiorano
Francesco Maiorano
9 anni fa

Se il centrodestra non sceglierà lo stesso metodo, si scaverà la fossa da solo..La nomenclatura di questo schieramento politico non ha capito niente, è rimasta ferma all’epoca primitiva.In politica sta avanzando il nuovo !