Attualità

Inaugurato il Centro diurno Cunegonda

La Redazione
Punto di arrivo di un lungo percorso nei centri di salute mentale afferenti al Dipartimento di Salute Mentale
scrivi un commento 688

È stato inaugurato questa mattina il Centro diurno pubblico “Cunegonda” del Dipartimento di Salute Mentale della ASL BA. Il Comune di Bari ha messo a disposizione la struttura che ospita il nuovo Centro, l’ex mercato coperto di via Don Gnocchi al San Paolo, un edificio che versava in stato di abbandono e degrado che è stato interamente ristrutturato dalla ASL, la quale compenserà il canone di concessione sinché non verrà azzerata la somma dell’investimento effettuato.

Sono particolarmente felice – dichiara il Sindaco Michele Emilianoperché una struttura comunale abbandonata da anni da oggi rivive al servizio dei cittadini, ed in particolare di chi ha più bisogno dell’abbraccio e del supporto della sua comunità. Questo risultato è il frutto di una positiva collaborazione tra Regione Puglia, Comune di Bari e Asl Ba, che vede ciascuna istituzione fare la propria parte per il territorio, insieme al prezioso aiuto di associazioni e volontari. L’inaugurazione del Centro Cunegonda fa seguito ad altre importanti iniziative, come la realizzazione della prima casa del dopo di noi per persone disabili prive di sostegno familiare, realizzata con l’associazione “Unitinsieme” all’interno di un plesso scolastico comunale sottratto al degrado e riqualificato. Così come, sempre nel quartiere San Paolo, il Comune ha dato in dotazione alla Asl Ba un immobile di sua proprietà nel Direzionale consentendo l’apertura di guardia medica, consultorio e sede per medici di base operativa tutta la giornata”.

A tagliare il nastro questa mattina hanno partecipato per il Comune di Bari l’assessore al Bilancio Gianni Giannini e l’assessore al Welfare Ludovico Abbaticchio.

Grazie ad una corretta gestione e valorizzazione del patrimonio pubblico – ha dichiarato l’assessore Giannini – non solo siamo riusciti a recuperare importanti strutture dal degrado edilizio, ma a metterle a disposizione di servizi primari per la comunità. È importante sottolineare come ‘la persona’ venga messa al centro di ogni nostra iniziativa di governo, attraverso questi interventi si dà attuazione al dettato costituzionale sul diritto alla salute e sul diritto alla vita. Questo modo di utilizzare il patrimonio pubblico, anche attraverso la sinergia tra varie amministrazioni accomunate da un’identità di obiettivi e politiche, è connotato dal concetto fondamentale del rispetto della dignità umana”.

In questi otto anni di governo – ha detto assessore Abbaticchio – la Giunta Emiliano ha concentrato molte energie e risorse sulle politiche dell’integrazione sociosanitarie, grazie anche a nuovi processi di investimento attuati con la Regione Puglia e la Asl Ba. Ricordo che accanto al Centro inaugurato oggi, il quartiere San Paolo può contare anche su un centro Direzionale socio sanitario che ha fatto della medicina di supergruppo un’eccellenza nell’Italia meridionale, con assistenza h24 e centro diurno.  Queste linee di programmazione dell’assistenza alle persone più fragili, in una progettualità collegata ai nuovi processi dell’assistenza in Europa, appartengono a una cultura della politica che studia come investire denaro pubblico per dare i migliori servizi alla collettività”.

L’avvio del Centro Diurno Cunegonda a gestione diretta, rappresenta il punto di arrivo di un lungo percorso avviato anni or sono nei centri di salute mentale afferenti al Dipartimento di Salute Mentale.

Come è noto sin dal 1992 il Servizio di Salute Mentale del Quartiere S. Paolo si è attivato nella sperimentazione di un centro di aggregazione per utenti psichiatrici, aperto al territorio, secondo un collaudato modello di collaborazione tra Istituzione Sanitaria Pubblica, Associazionismo, Volontariato, Istituzioni Territoriali. Il Centro Sociale “Piazza Grande” inaugurato nel 1992 dalla Direzione Aziendale dell’epoca, divenne subito riferimento di singoli abitanti, scuole, associazioni, parrocchie, della Caritas locale e persino di alcuni Circoli politici e culturali che offrirono la loro collaborazione spontanea e disinteressata per un processo di aggregazione ed integrazione del Servizio Psichiatrico territoriale con tutte le realtà operanti nel quartiere, nella consapevolezza che fare Salute Mentale significasse rendere più vivibile il contesto di vita e di lavoro dei cittadini.

In continuità con l'esperienza maturata, il Centro Diurno “Cunegonda” è attrezzato per:
•           Attività espressive (musica, teatro, scrittura, pittura);
•           Attività ristrutturanti (informatica, comunicazione, ceramica, pelletteria, falegnameria, riuso);
•           Attività ludico ricreative (sport, gite, escursioni, feste aperte al territorio);
•           Attività preformativa e formativa finalizzata all’inclusione sociolavorativa (tirocini formativi, borse lavoro).
Il Centro sarà attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle 16, per le attività riabilitative e il sabato e tutti i giorni dopo le 16, per le attività di socializzazione, corsi, convegni. Il Centro Diurno si avvale della collaborazione di associazioni dei familiari e degli utenti, associazioni di Volontariato del territorio.

Nel Centro si svolgerà anche attività di Segretariato Sociale (consulenza legale, amministrativa, fiscale, pensionistica), rivolta agli utenti del servizio ed ai loro familiari.

martedì 4 Dicembre 2012

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti