Attualità

“Città attive”, un nuovo modello di pianificazione finalizzato al benessere dei cittadini

la Redazione
Bari si impegnerà a ridefinire il proprio futuro urbanistico in una prospettiva di sostenibilità ambientale
scrivi un commento 16

Recentemente la città di Bari, insieme ad una ventina di città italiane, fra cui Ferrara, Udine e Reggio Emilia, è stata invitata a partecipare a un tavolo interistituzionale per costituire la rete delle “città attive” italiane. Una città attiva è un luogo in cui le infrastrutture, la mobilità, i servizi sociali, sportivi, educativi offrono la possibilità di spostamenti “non motorizzati”, di praticare attività ricreativa, motoria, sportiva e di mettere in atto stili di vita corretti e sani. In una città attiva i cittadini godono cioè dell’opportunità di essere fisicamente attivi nella vita quotidiana.

Questo modello di pianificazione, un’evoluzione del concetto di “città sane”, sostiene che “una città sana è una città attiva” (Edwards & Tsouros, 2008) e, viceversa, una città attiva è anche sana; ciò significa che le politiche sociali per lo sport e per la mobilità dolce favoriscono e si integrano con le politiche della salute. Infatti la promozione dell’attività fisica, se si accompagna ad una pianificazione urbanistica basata sulla mobilità sostenibile e sulla tutela ambientale, determina nel tempo una serie di benefici quali risparmio sulla spesa sanitaria e sui trasporti; maggiore produttività di cittadini e lavoratori; creazione di ambienti più vivibili e attrattivi (per residenti e per turisti); miglioramento della qualità dell’aria e riduzione dell’inquinamento acustico;  accessibilità delle aree verdi e delle aree costiere e fruibilità del mare; riqualificazione socio-ambientale dei quartieri, incremento della coesione sociale e dell’identità collettiva; promozione ed allargamento delle reti sociali.

Non si tratta soltanto di facilitare le modalità per andare a piedi o in bicicletta, quanto piuttosto di sviluppare programmi integrati che promuovano stili di vita più attivi e basati sul salutismo e sulla prevenzione sanitaria, principi che sono alla base dello sport sociale moderno.

Per questo la città di Bari è impegnata ad attuare politiche che consentano la più ampia accessibilità degli impianti sportivi comunali e la promozione di eventi e progetti sportivi che allarghino la base partecipativa nelle scuole.

Non a caso a Bari, negli ultimi anni, si è registrato un sensibile incremento del numero di praticanti sportivi: dal popolo dei “runner” (che corrono sui lungomare, nei parchi e lungo le strade) ai master del nuoto (nuotatori dilettanti che frequentano sempre più le numerose piscine in città), dagli amatori di sport di squadra quali calcio, pallacanestro e pallanuoto a quelli degli sport di gruppo quali il tennis e la vela, ai frequentatori di palestre per il fitness, le arti marziali ecc… Particolarmente significativi e innovativi risultano poi alcuni progetti scolastici per la scuola primaria sperimentati a Bari già da otto anni e di recente diventati modello per analoghi progetti regionali e nazionali.

Bari è una delle poche città in Italia che ha strutturato le politiche sportive in una pianificazione urbanistica specificamente strutturata. A Bari il primo “piano dello sport” in Italia, approvato nel 1988, ha costituito le basi per la candidatura ai Giochi del Mediterraneo “Bari 1997” e per la creazione di quella rete di impianti sportivi di quartiere diffusi che rappresenta un patrimonio di grande importanza e qualità. Oggi si contano oltre sessanta impianti sportivi comunali, un centinaio di palestre scolastiche e una ventina di grandi complessi sportivi privati facilmente accessibili. Negli ultimi due anni, con la definizione delle modalità gestionali di affidamento a società sportive operanti sul territorio, è stato completato il percorso dell’Amministrazione comunale finalizzato a garantire maggiore efficienza e fruibilità degli impianti sportivi, migliorandone progressivamente funzionalità, accessibilità ed offerta in termini di attività e servizi.

La città di Bari, è il caso di ricordarlo, è impegnata a ridefinire il proprio futuro urbanistico in una prospettiva di sostenibilità ambientale. Non a caso gli elementi su cui si basa il nuovo Piano Urbanistico Generale sono la rete ecologica e la rete della mobilità sostenibile. Per queste ragioni mettere in sinergia temi quali “Urbanistica e Sport” risulta particolarmente innovativo per immaginare un nuovo equilibrio tra città costruita e paesaggio, tra uomo e ambiente, tra modi di abitare e luoghi per vivere e lavorare a misura d’uomo e di bambino.

La rete interdisciplinare che vorremmo costituire tra “città attive”, università, centri di ricerca, istituzioni pubbliche e private e terzo settore, risulterà particolarmente utile per candidarsi al programma europeo “Salute e Sport” che verrà lanciato nel 2014 e per il quale, come già accaduto per il programma “Smart cities”, Bari intende porsi come punta avanzata e luogo privilegiato di sperimentazione.

martedì 20 Novembre 2012

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti