Cultura

Università, assunzioni per 14 ricercatori

Mariangela Lacriola
Ne restano fuori 17. Petrocelli promette di trovare risorse a sufficienza
scrivi un commento 20

L' Università vedrà 14 nuovi ricercatori da assegnare ai vari dipartimenti, 5 unità nel settore amministrativo e 3 avanzamenti di carriera tra le fila dei docenti. Il Senato Accademico ha deciso come impiegare le ulteriori risorse messe a disposizione dal Governo per le assunzioni nel 2012, dopo tre anni di blocco. A quanto pare le unità di PTA saranno premiate da tale meccanismo passando ad effettive rispetto a coloro che possiedono un contratto a tempo determinato, rispetto ai ricercatori "meno fortunati".

Infatti fuori ne restano 17 dei 31 vincitori del concorso, per i quali non è scattata l' assunzione a causa dei blocchi.

Lo sconforto dei ricercatori si fa sentire sopratutto quando dato il budget a disposizione (basato sui punti organico, che rappresentano l'unità di misura del fabbisogno di personale) sufficiente a garantire l'assunzione di tutti e 17 esclusi,  non viene utilizzato a tal fine. La risposta è giunta dal Rettore dell'Università degli Studi di Bari, Corrado Petrocelli che ha preferito utilizzare tali risorse in questo modo, promettendo pur sempre agli esclusi, secondo criterio di anzianità, di trovare risorse sufficienti a garantire l'attività di ricerca all'interno dell'Università.

A tal proposito ieri in senato accademico, si è discusso del futuro delle assunzioni e Laura De Marzo, in qualità di rappresentante degli studenti, è intervenuta auspicando che nei prossimi reclutamenti si seguano criteri di scelta del personale più orientati ai settori disciplinari in sofferenza e garantendo, ad ogni modo, la sostenibilità dei corsi di laurea, dato che negli ultimi anni, come confermato dal rettore Petrocelli, il livello di assunzioni ha superato la media nazionale.

 

 

mercoledì 14 Novembre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti