Attualità

Half Bari Marathon 2012: una “mezza maratona ” all’insegna dello sport , musica e divertimento

Marianna Cea
Presentato ieri il grande evento sportivo giunto alla sua 18^ edizione
1 commento 177

Torna a Bari con la sua 18esima edizione l’evento consolidato nella Città: la Bari Marathon, la gara podistica valida come campionato Regionale di maratona. La “Bari Marathon” si muove con le maratone d’Italia  al fine di promuovere lo sport quale attività fisica  volta al benessere e alla promozione sia turistica che economica del  nostro paese.

La manifestazione sportiva, che quest’anno prende il nome di “half Bari Marathon” si terrà a Bari il 18 novembre con una grande novità anche sul piano tecnico: non più la gara podistica di 42 km , ma divisa in tre distanze ( 3,3 km riservata ai più piccoli ed inoltre aperta a tutte le scuole dell’area di Bari e provincia oltre che alle società sportive operanti nel settore giovanile, di 10 km e di 21 km riservata agli atleti ed ai liberi professionisti).

Lo start point è fissato in Via di Maratona per le ore 09:00. Il percorso, come da prassi consolidata, si snoderà sul lungomare della città di Bari.

Il 18 novembre è inoltre una data importante poiché in questo giorno verranno commemorate le vittime della strada e infatti proprio per questo tutti i partecipanti alla gara podistica indosseranno un nastrino nero in segno di solidarietà ai cittadini vicini ai parenti delle vittime della strada.

La manifestazione quest’anno è valida come Trofeo” Epolis Bari 2012”, che verrà consegnato dal Direttore dell’azienda durante la manifestazione. Inoltre verranno consegnati anche il trofeo “ Peroni” al primo classificato, il trofeo “Saicaf “ alla prima classificata ed il trofeo “San Carlo” che verrà consegnato alla scuola o società sportiva più numerosa nel settore giovanile.

L’iniziativa sportiva patrocinata dal Comune di Bari, dalla Regione e dalla Provincia, prevede anche numerosi partner come Epolis Bari, Telenorba e Radio Soundcity ma anche partner sociali come “Actionaid”, l’organizzazione sociale che lavora per eliminare la povertà, la fame e le ingiustizie in più di 50 Paesi, che proprio durante la gara lancerà l’iniziativa “Corri per Operazione Fame” una campagna a favore di milioni di persone che reclamano il loro diritto a nutrirsi adeguatamente e di vivere dignitosamente.

A fine gara si potrà assistere ad uno spettacolo gratuito offerto dal teatrino di Pulcinella, e durate la stessa tutti gli atleti, i partner ed il pubblico sarà allietato dalle note musicali di www.radiosoundcity.net.

Francesco Arpa, il responsabile dell’organizzazione, durante la conferenza stampa ha sottolineato come a causa della crisi economico-finanziaria che attanaglia il Paese, si è dovuto dimezzare la distanza dalla fatidica 42 km alla 21 km: “è una grande sconfitta per il mondo sportivo barese perché una città come Bari, capoluogo di Regione , vede una grande manifestazione ridursi nei contenuti e nelle sue tradizioni ”.

Un elemento di raffronto è stato offerto dal responsabile dell’organizzazione che ha evidenziato come una manifestazione identica porti un numero elevato di partecipanti , 15000 , in una città come Istanbul in confronto ai 2000 di Bari .

L’iscrizione alla maratona può essere effettuata in tutti i Cisalfa presenti in Puglia  e nel villaggio sportivo che verrà allestito ed inaugurato il sabato 17 novembre.

Divertimento, sport e partner sociali: questi gli ingredienti che renderanno piacevoli il prossimo weekend per molte famiglie baresi e non solo.

martedì 13 Novembre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
1 Comment
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
donato serena
donato serena
9 anni fa

I miei duei figli di 9 e 11 anni hanno partecipato alla gara di 3 Km della halfBariMarathon e io li ho seguiti a piedi; devo dire che sono veramente disgustato: il percorso è cambiato all’ultimo momento, più corto di quasi un Km, abbiamo aspettato oltre due ore per la premiazione senza che nessuno sapesse quando ci sarebbe stata, sono stati premiati come primi classificati bambini che, esausti, avevano fatto il percorso in moto e che alla fine sono passati al traguardo (uno degli organizzatori, “sgamato” da me, ha addirittura cercato di rifilarmi la storia di un “Trofeo Cesare Pozzi”). Che vergogna, altro che taglio dei fondi, meglio non darli proprio a chi organizza male.