Politica

A Bari nasce una nuova associazione: “Rinascibari”

Giovanni Settanni
E' di ispirazione liberale-moderata
4 commenti 49

L’Associazione avrà il compito di portare idee nel campo del centrodestra, anche perché si avvicinano sempre di più scadenze elettorali importanti.

I fautori di questo nuovo punto di incontro nell’area “moderata” barese sono: Giovanni Giua, Dante Leonardi, Roberto Telesforo, Paola Cristiano, Mariella Lipartiti, Alex Monaco, Enzo Monterisi, Egidio Pani, Vito Schepisi, Gianvito Spizzico, Ugo Summaria, Canio Trione.

La loro massima aspirazione sarà sicuramente risvegliare dal torpore una area politica che rappresenta da sempre la maggioranza nel capoluogo barese, ma da un po’ di tempo molto avvezzo alla sconfitta e alla mancanza di idee nuove, è una associazione di stampo “tatarelliano”, un ritorno al passato quando Bari era il laboratorio di idee di tutto il centrodestra.

Di seguito il manifesto programmatico di questa nuova associazione.
“Dopo un decennio di immobilità amministrativa e prendendo atto del degrado odierno, Rinascibari vuole essere una base di ri-partenza dalla quale lanciare nuove iniziative ed un nuovo programma per la Città di Bari.
Cardini fondamentali per tornare al benessere ed al prestigio del passato sono Sviluppo e Lavoro.
Come ottenere sviluppo e lavoro? Ripartendo dalle attività tradizionali della città (commercio, industria, edilizia e servizi) in un quadro più moderno di Città Metropolitana, Capoluogo di Regione e di Città aperta agli scambi culturali, commerciali e finanziari verso e dalle altre nazioni del Mediterraneo.
Principali attori del rinnovamento devono essere gli imprenditori baresi e le imprese ( piccole o grandi) che possono generare occupazione e ricchezza.
Oggi a Bari è tutto fermo: muore il piccolo commercio (sia per la mancanza di capitali che per la concorrenza di esercizi dal capitale riciclato); muore la zona industriale nel degrado delle sue strutture e nell’incapacità di attrarre nuovi investimenti; l’edilizia langue stretta tra il malcostume, la corruzione e l’oppressiva burocrazia.
Cosa fare? Aprire all’impresa i canali del finanziamento, incentivare la progettazione anche con sgravi fiscali e soprattutto la sicurezza di una burocrazia non vessatoria ma, anzi, amica e stimolatrice.
Non sono tempi per pensare di far ricorso a risorse pubbliche ma all’impegno del capitale privato anche in project financing con idee che concorrano a fare di Bari il centro dei servizi per la regione e per i paesi esteri fornendo strutture ed infrastrutture per raggiungere lo scopo ultimo : Sviluppo e Lavoro.
Ci vuole intelligenza, inventiva, creatività, progettualità: qualità che ai Baresi hanno permesso di costruire una “grande città” punto di riferimento per l’intero Meridione.
Partendo da questi presupposti un gruppo di amici ha cominciato a confrontare le idee per stimolare energie nuove ma anche per risvegliare quelle stanche di subire. Vorremmo ridare coraggio a chi cede alla rassegnazione e tornare a pensare alla politica come indispensabile strumento di democrazia.
Un programma per Bari è la nostra meta e la discussione continua con tutti i cittadini che vogliono contribuire al rinascimento di Bari.”

venerdì 26 Ottobre 2012

Notifiche
Notifica di
guest
4 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Francesco Maiorano
Francesco Maiorano
9 anni fa

Non c’è che dire tutti nomi nuovi . Chi è il rottamatore del centro-Destra ? Aiuto !

bari domani
bari domani
9 anni fa

Bella iniziativa, gradevolissima ma….. non sarà una chimera?

anna oro
anna oro
9 anni fa

Appoggio l’iniziativa e spero di sentire nuove idee, aiutiamo la ns. bella Città!!

bari domani
bari domani
9 anni fa

E sì che l’aiutiamo Bari!Dopo tutti questi giorni che ho sentito e ho letto quanta ostilità ruota intorno a Bari(invidia?), finalmente leggo una frase scritta col cuore:”aiutiamo la ns bella Città!!”. Spero che nelle mie prossime diatribe per difendere Bari e tutti i Veri Baresi contro gente a noi ostile,io possa contare sul tuo aiuto e magari di altri. Grazie anna oro da BariDomani, con affetto.