Basket

Liomatic Group Cus Bari, i cussini sfiorano l’impresa: a Ferrara da -20 a -1 negli ultimi tre minuti (finale 74-72)

Mirko Cafaro
Pareggio fallito per la squadra biancorossa
scrivi un commento 11

Una squadra che al 36' di un match in cui ha fatto una gran fatica, si trova sotto di 20 punti (73-53), il più delle volte, pensa a limitare i danni e a come affrontare al meglio il prossimo impegno. Non la Liomatic Group Cus Bari che, a Ferrara, dopo aver inseguito per tutto il tempo ed essere sprofondata tra terza e quarta frazione sotto i colpi di un maxi-break, ha trovato la forza di rimettersi in gara sino al tiro del possibile pareggio fallito da Bonessio sulla sirena. C'è poco da rimproverare, dunque, a questa squadra per il 74-72 che ha sancito la prima sconfitta stagionale. Probabilmente sul piano tecnico, coach Putignano vorrà rimettere qualcosa in ordine – com'è normale che sia a inizio stagione -, ma sul piano della voglia, del cuore e della grinta, c'è poco da dire – se non bravi – a giocatori che in quattordici giorni sono andati vicini alla quinta vittoria consecutiva. Di sicuro, nel computo finale, peserà tremendamente e acuirà i rimpianti quel 23/37 ai liberi (meno del 50%): un dato che appare più di un indizio circa la stanchezza accumulata dai biancorossi (che, prima di Ferrara, avevano viaggiato con percentuali superiori all'80%). A questo punto, quindi, non resta che prendere il buono di questa trasferta – la seconda nel giro di quattro giorni -, approfittare della settimana a disposizione per preparare la partita con Torino e ripartire subito con maggiore determinazione e convinzione.

Dando un'occhiata alla cronaca del match, l'inizio è stato di sostanziale equilibrio, con le due squadre impegnate a ribattersi colpo su colpo, sino al 19-16 Ferrara del 10', in virtù del mini-break firmato Campiello e Spizzichini in chiusura di quarto. Alla ripresa, il punto a punto prosegue sino al 24-22 del 13', firmato da un ritrovato Cardillo (9 punti, 8 rimbalzi e 2 palle recuperate per lui in 16 minuti di impiego), poi però è Benfatto a salire in cattedra (top-scorer con 27) per il primo allungo sul 32-22.

I biancorossi reagiscono con Bonessio, Bisconti e Ruggiero, ma la Mobyt riesce ugualmente a chiudere a distanza di sicurezza sul 39-32. Esaurito l'intervallo lungo, il Cus non riesce a serrare le fila di difesa e nonostante trovi il canestro con continuità, sino al 25' le distanze restano invariate sul 44-37. L'elastico, però, dura poco, perchè Ferrara innesta le marce alte e sforna un break di 16-7 che sembra mettere una pietra tombale sul match, in virtù del 60-43 del terzo intervallo. E la sostanza non cambia, come già raccontato, sino a quattro minuti dal termine. Poi, però, accade qualcosa che sorprende i ferraresi. Ruggiero e compagni hanno un moto d'orgoglio e cominciano a rosicchiare punto su punto, sospinti anche da una ritrovata solidità difensiva. Bonfiglio e Laquintana riducono le distanze sino al 73-60 del 37', quindi tocca a Cardillo infilarne cinque consecutivi, supportato ancora da Laquintana e Ruggiero per il 73-70 del 39'. Partita riaperta, ancora una volta, a maggior ragione quando Laquintana va a subire fallo e infila il 2/2 per il -1 a pochi istanti dalla fine. Ferrara è costretta al time out, sull'azione conseguente il Cus spende un fallo su Castelletta che fa 1/2, ma sull'azione conseguente il tiro di Bonessio si ferma sul ferro.

lunedì 22 Ottobre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti