Attualità

“Via col Bus!”: quando la legalità è il “mezzo” migliore

Davide Impicciatore
Presentato questa mattina a Palazzo di Città il progetto "Via col Bus" che partirà dal 15 ottobre prossimo
scrivi un commento 169

La data di inizio è fissata per il 15 ottobre prossimo: sarà proprio nel terzo lunedì di ottobre che inizierà “Via Col Bus! Quando la legalità è il mezzo migliore”, la nuova attività educativa di strada facente parte di San Paolo Social Network e promossa dalla Esedra Coop in collaborazione con la Coop Sociale Progetto Città, con il Comune di Bari e con l’AMTAB.

Il progetto, sperimentale, prevede un’azione/ricerca tra i ragazzi fra i 14 e i 18 anni che usano abitualmente le linee urbane 3, 13, 16, 53 che collegano il quartiere San Paolo con il centro cittadino. Obiettivo dell’azione sarà conoscere i bisogni dei ragazzi facendoli partecipare all’elaborazione di una campagna di comunicazione incentrata sulla legalità, il rispetto dei servizi pubblici e la sicurezza sulla strada. Attraverso interviste, provocazioni e discussioni i ragazzi che abitualmente utilizzano i mezzi pubblici saranno stimolati con giochi e concorsi, fra cui la creazione di un slogan e di una nuova grafica per il biglietto di viaggio: per i vincitori in palio 3 abbonamenti annuali per studenti.

A presentare il progetto questa mattina presso il Palazzo di città, c’erano Francesco Muciaccia, coordinatore del progetto San Paolo Social Network, Tobia Binetti, presidente dell’AMTAB, Vito del Medico, in rappresentanza della coop. soc. Esedra, e il consigliere delegato del sindaco alla Mobilità, Antonio Decaro.

"A noi è stata richiesta un’attività di supporto”, ha commentato il presidente AMTAB, Tobia Binetti, preoccupato anche dal calo della vendita dei biglietti, “che si concretizza nel consentire nel periodo di 2 mesi che gli operatori possano utilizzare i nostri autobus, attraverso un pass, e realizzare l’attività del progetto che consiste nel sensibilizzare la collettività di riferimento nel rispetto degli obblighi di pagamento dei biglietti e di sensibilizzare l’utilizzo più frequente degli autobus. Siamo lieti di aver potuto raccogliere questa richiesta, speriamo che questo progetto – non comportando alcun costo per noi – possa proseguire ed essere anche ulteriormente ampliato”.

Discorso poetico, ma forse un po'  'nostalgico', quello del consigliere Decaro che si è concentrato su episodi della sua adolescenza e su immagini letterarie proprie dei più grandi scrittori romantici.

In realtà, talvolta, i collegamenti urbani con i quartieri periferici della cittadina barese, come Japigia, S. Pasquale, S. Rita, implicano bus sovraffollati, atti di vandalismo, volgarità, bullismo, che incutono timore tra gli utenti.  Opinabile quindi il discorso del consigliere che ha sottolineato, di contro, come questi elementi facciano parte di un passato che, secondo lui, non c’è più.

Tornando al progetto, a prima vista utopico e fuori dalla realtà delle linee urbane interessate, sarà svolto nella fascia oraria del “dopo-scuola”, fra le 13 e le 16, e coinvolgerà i ragazzi dai 14 ai 18 anni che, ogni giorno soprattutto per motivi scolastici, prendono bus, navette, spesso trasandati e sporchi.

Presenti alla conferenza anche i quattro ragazzi/operatori della Coop – Progetto Città che si adopereranno nella riuscita di questo progetto: Maria Colaianni, Sandra Palmisano, Nicola Ranieri e Davide Vallarelli, che, con grande fiducia, speranza e buoni propositi, hanno intenzione di portare al termine questa coraggiosa iniziativa che dovrebbe, almeno in parte, provare a mutare la situazione delle nostre linee urbane, cercando di accogliere e capire le esigenze e i bisogni degli studenti-viaggiatori, organizzando una vera e propria comunicazione sul bus e in prossimità delle fermate per convincere loro – e chi è attorno – a diventare cittadini responsabili: a fare il biglietto, a comportarsi bene e rispettare i mezzi pubblici e il prossimo, non in modo paternalistico ma interagendo con supporti tecnologici e attività di stimolo e socializzazione.

Non sarà facile, ma auguriamo a questi ragazzi un grande “in bocca al lupo” e tanta buona fortuna.

venerdì 12 Ottobre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti