Attualità

Nodo ferroviario approvato al Cipe. Minervini: “Traguardo storico”

La Redazione
Sarò dismesso l'attuale tracciato ferroviario costiero di Japigia e liberare Bari dai binari
4 commenti 11

“Oggi abbiamo raggiunto un traguardo storico. Con l’approvazione del progetto del nodo ferroviario di Bari al Cipe si chiude un capitolo importante aperto una ventina d’anni fa. La parte meridionale trova finalmente certezza di risorse, 391 milioni, e certezza di tempi. Entro un anno e mezzo si potrà sviluppare il progetto definitivo e andare in gara con i lavori”.

L'assessore alle infrastrutture e mobilità della Regione Puglia, Guglielmo Minervini, esprime così la sua soddisfazione per l'esito della riunione preparatoria al Cipe alla quale ha partecipato questo pomeriggio.
Il progetto prevede la realizzazione di una variante della linea ferroviaria in uscita dalla stazione di Bari Centrale in direzione sud. Il nuovo tracciato si affianca a quello delle Ferrovie Sud Est per porsi agli estremi del territorio comunale con ritorno sulla linea esistente in prossimità della stazione di Bari Torre a Mare.

Questo nuovo ramo ferroviario – spiega Minervini – il cosiddetto collo d'oca, che si sviluppa ai margini sud dell’area urbana e in zone prevalentemente agricole, permetterà di dismettere l’attuale tracciato ferroviario costiero di Japigia e liberare Bari dai binari”.

Lungo il tracciato è prevista la soppressione di due passaggi a livello e la creazione di una stazione e due fermate: la fermata “Campus”, la Stazione Executive, la fermata Triggiano.

“Abbiamo messo in sicurezza il tratto sud – continua Minervini – a partire da oggi siamo chiamati a ridiscutere e riverificare la parte settentrionale che è altrettanto delicata, ma priva di copertura finanziaria. Il problema esiste, ci sono 7 passaggi a livello che rappresentano una quotidiana fonte di rischio. La soluzione progettuale prospettata prevede l’interramento di oltre 6 km di binari, la realizzazione di tre gallerie e due stazioni sotterranee. Il tutto realizzabile solo con l’abbattimento di numerose palazzine e con notevoli problemi di rilevanza sociale e urbanistica.
Nei prossimi giorni abbiamo in programma un incontro congiunto con il Comune di Bari e Rfi. La nostra proposta è quella di organizzare una risposta su due livelli. Il primo a medio lungo termine per verificare se l’ipotesi progettuale è ancora valida, la seconda nel breve per aggredire e risolvere con interventi di tipo puntuale, ad esempio scavalcamenti pedonali e automobilistici, il bisogno di sicurezza e vivibilità dei cittadini”.

giovedì 11 Ottobre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
4 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Francesco Maiorano
Francesco Maiorano
9 anni fa

Egregio Minervini il politichese deve comunicarlo a quei pochi illusi che forse le credono ancora. Non racconti balle ,non le basta aver preso per i fondelli un’intera comunità nel salone parrocchiale di Palese ? Scavalcamenti pedonali ed automobilistici ? Ma che cavolo racconta, le rampe 167 le ha già fatte per nostra fortuna la Provincia grazie a Divella nonostante RFI ipocritamente le osteggiava con la scusa dell’interramento. I cavalcavia pedonali ? Come quelli promessi 5 anni fa dopo la morte di una povera signora travolta dal treno? ? L’ipotesi progettuale è un’altra grossa buglia e per favore la smetta di raccontarne altre, abbia rispetto dei tanti morti e dei cittadini di Palese e di S.Spirito! Si Vergogni !

aurora rianna
aurora rianna
9 anni fa

Egregio Minervini poi non ti arrabbiare se dicono che Bari è città mafiosa!

denny leuzzi
denny leuzzi
9 anni fa

che ce ne frega del nodo sud,il nodo nord è quello piu’ importante dove continua a morire gente per vostra incompetenza. come si fa a non volere l’autonomia della nosgtra circoscrizione se a bari abbiamo solo degli incapaci ?

Nicola Amoruso
Nicola Amoruso
9 anni fa

Condivido pienamente quanto affermato da Francesco Maiorano