Basket

Liomatic Group Cus Bari, coach Putignano: “Buon esordio ma testa già a Perugia”

Mirko Cafaro
Cominciato anche il torneo Under19
scrivi un commento 3

La ripresa degli allenamenti settimanali ha un gusto particolare per la Liomatic Group Cus Bari. Rotto il ghiaccio dell'esordio, con la vittoria sul Matera, i baresi si preparano per l'appuntamento, a stretto giro, in programma giovedì 10 ottobre (ore 20.30) a Perugia in occasione della riedizione del "derby Liomatic". Prima, però, c'è da mandare in archivio l'analisi della prima gioia stagionale. Una partita che i barsi sono riusciti a condurre per larghi tratti con buona personalità, salvo crollare nel terzo quarto sotto i colpi di un Matera che sembrava trasformato dalla pausa lunga. "Dopo l'abilità mostrata nelle prime due frazioni – ha ammesso coach Giovanni Putignano -, in tre minuti abbiamo dissipato quanto messo insieme in venti, ma va riconosciuta anche la bravura dei nostri avversari. Hanno tirato col 50% da tre punti e in questo modo sono rimasti attaccati alla partita. Dal canto nostro, siamo stati bravi a non perdere la testa, evitando scelte affrettate, soprattutto quando loro si sono rintanati nell'area, cercando di spingerci a conclusioni da fuori. Siamo una squadra diversa dal Matera: più giovani, meno esperti in alcuni ruoli, ma quando siamo tornati in parità, siamo riusciti comunque a condurre la partita senza correre grossi rischi. Per alcuni dei tanti giovani in formazione è stato un battesimo di fuoco, soprattutto contro una squadra marpiona come quella di Matera, ma sarà una costante di questa stagione: cercheremo di tirare il massimo da ogni singolo giocatore. E' logico che abbiamo delle gerarchie, ma sarà una grande soddisfazione quando i più piccoli sapranno rubare minuti ai grandi".

A proposito dell'apporto del pubblico che anche domenica ha risposto presente al richiamo del PalaFlorio (oltre tremila gli spettatori): "Era una partita molto sentita per le due tifoserie – prosegue Putignano -. Ci fa molto piacere che il pubblico ci abbia confermato la fiducia ottenuta lo scorso anno. Alzare la testa e vedere questa muraglia biancorossa fa sicuramente un grande effetto". Ora, però, testa a Perugia e soprattutto all'intenso periodo che costringerà staff tecnico e medico agli straordinari per dosare le forze e recuperare gli acciaccati (Cardillo in primis, alle prese con un problema al polpaccio): "Avevamo dei problemi in partenza, sotto il profilo degli infortuni, ma non sono uno che piange prima ancora di cominciare. Adesso valuteremo bene la situazione con il nostro staff medico, che ha già fatto miracoli in passato e poi affronteremo queste partite come si fa con i play off, con una preparazione rapida e uno svolgimento immediatamente applicabile in partita. Dobbiamo fare qualche colpo esterno: quest'anno sarà vitale. Perugia? Squadra che ha rinnovato parecchio rispetto all'anno scorso, ma ha due-tre punti di riferimento importanti, rispetto ai quali stare molto attenti. Dal canto nostro non ci faremo intimmidre dal fatto di giocare fuori casa".

A margine segnaliamo anche l'avvio del campionato Under19 d'Eccellenza. Ieri i cussini allenati da coach Gaeta, che può contare tra le sue fila anche Tommaso Laquintana e Francesco Didonna, hanno perso all'esordio sull'ostico campo della Tiber Roma. Da segnalare la prestazione di Didonna, top scorer del match con 23 punti. Maggiori informazioni sul match al sito http://www.cusbaribasket.it/.

martedì 9 Ottobre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti