Attualità

L’AMIU, un’azienda municipale da migliorare

Gaetano Macina
Tutto quello che dovrebbe fare, che in realtà fa e quanto riceve dal Comune di Bari
scrivi un commento 268

Quali sono i compiti  della AMIU s.p.a. rispetto ai cospicui finanziamenti, più di 60 milioni di Euro all’Anno che riceve dal Comune unico socio di maggioranza?

Secondo lo statuto aziendale, essa svolge il servizio di igiene urbana su tutto il territorio del Comune di Bari, assicurando giornalmente la raccolta, trattamento di biostabilizzazione ed il trasferimento in discarica di circa 440 tonnellate di rifiuti, la pulizia manuale e meccanica di strade e marciapiedi, per uno sviluppo lineare di circa 700 km, la pulizia di 12 mercati giornalieri, compreso il Mercato Generale, 9 mercati settimanali di merci varie, 7 cimiteri cittadini, compreso il Cimitero Monumentale.

AMIU s.p.a. inoltre garantisce la raccolta differenziata di carta e cartone, vetro, plastica e metalli, indumenti usati, il recupero di rifiuti urbani pericolosi come pile, farmaci, accumulatori auto, siringhe abbandonate, deiezioni canine, il ritiro di rifiuti ingombranti quali mobilio, elettrodomestici RAEE (Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche)  ed in genere beni di uso durevole.

AMIU s.p.a. gestisce anche servizi di raccolta carogne animali, raccolta alghe  spiaggiate, diserbamento stradale, rimozione di scritte murali su strutture pubbliche, pulizia fogna bianca e pozzi trivellati non gestiti da AQP, pulizia stagionale litorali e spiagge cittadine. Infine Amiu s.p.a. si occupa di disinfezione, disinfestazione e derattizzazione.

Una delle principali aree di intervento di AMIU s.p.a. é rappresentata dallo spazzamento delle aree pubbliche. A tale scopo vengono utilizzate moderne spazzatrici  integrate da interventi manuali di tipo tradizionale. Durante la fascia pomeridiana vengono puliti i mercati rionali mediante la raccolta  dei rifiuti ed il  lavaggio con igienizzazione delle sedi stradali.

L’Azienda  ha anche la competenza del lavaggio di alcuni siti particolari come sottoponti o angoli della città  vecchia; svolge anche servizio di bonifica, ovvero di rimozione dei rifiuti da suoli pubblici non recintati e viabilità. Se il suolo è comunale, l’AMIU s.p.a. interviene con una bonifica annuale, preferibilmente nella stagione estiva, per prevenire eventuali incendi e annidamento di insetti.

Questa lunga premessa è necessaria affinchè i cittadini abbiano ben presenti i servizi che l’AMIU deve svolgere a fronte di un esborso da parte del comune di Bari di più di 60 (SESSANTA) milioni di euro all’anno.

Abbiamo chiesto a tanti cittadini della prima circoscrizione se fossero soddisfatti dei servizi effettuati dall’Azienda di igiene pubblica  ed i dati ottenuto non sono per niente confortanti.
Alcuni di essi hanno dapprima riconosciuto che in alcune occasioni essi stessi ed altri concittadini  non seguono perfettamente le regole per un efficace conferimento dei rifiuti oltre ad essere un po’ sporcaccioni quando buttano a terra mozziconi, tovaglioli, carte ed oggetti vari nonostante la presenza dei cestini. Dopo l’ammissione d colpa però hanno fatto una “TAC Virtuale “all’AMIU” in merito alla Mission reclamizzata sul sito ufficiale. La diagnosi è inclemente: cassonetti non lavati e disinfettati da anni con fori da corrosione che disperdono sull’asfalto un percolato puzzolente  composto  inquinanti organici e inorganici.

Spazzamento di molte strade quasi inesistente e comunque molto distanti dagli standard stabiliti dalla stessa azienda qualche esempio: 6 giorni su 7 da Lun a Sab) Lungomare C. Colombo (da P.zza Roma a P. Harris) Via Dalmazia a S.Spirito;  idem Via Caravella, Strada Catino (da statale a Via Dei Narcisi) Via dei NARCISI a Catino ; idem ancora Via Capitaneo, Via G. Volpe, Via T. Ranieri, Via Caputo, P.Zza Capitaneo, Via L. Del Turco a Palese. Pulizia mercati rionali, sia quello della zona 167 a Palese che quello del lungomare  di S,Spirito  , dopo una sommaria spazzatura non viene effettuato, a loro dire nessun lavaggio né tantomeno l’igienizzazione, questa ultima parola per molti dei cittadini è ormai un termine sconosciuto. Per il diserbamento stradale, dichiarano, viene effettuato una volta all’anno e per gli escrementi dei cani ci pensa madre natura  a farli sparire dopo un po’ di tempo dai marciapiedi e strade.

L’ultima critica spietata e veemente i cittadini la rivolgono all’assenza di qualsiasi intervento, almeno per quest’anno, di derattizzazione e disinfestazione per le zanzare tanto che migliaia di cittadini ne subiscono ancora oggi le conseguenze. Almeno qualche anno fa come nel 2007,dicono, l'Amiu  operò con  una serie di interventi 'a zone' con squadre di disinfestatori e nello stesso anno  ai baresi veniva  proposto il Vectobac dt un insetticida biologico ad impatto ambientale zero contro la zanzara tigre.  che grazie ad un accordo tra assessorato comunale all'Ambiente, Federfarma e Amiu, era disponibile in tutte le farmacie baresi al prezzo politico di 2,50 euro.

Era l'ultimo tassello in ordine di tempo, nella battaglia contro la zanzara tigre disse l’allora presidente dell’AMIU Savino  "Ci siamo impegnati da Marzo in interventi sistematici in tutti i quartieri. continueremo sino a ottobre, novembre", spiegò il presidente dell'Amiu. Sono state trattate le zone alberate e i campi incolti della città, sono intervenuti su tutti gli infestati "ora il fenomeno è sotto controllo" .

Quest’anno invece nulla è stato fatto ed i cittadini si chiedono il perché e desidererebbero che l’Assessore Giannini ed i vertici aziendali dell’AMIU, non solo il consiglio di amministrazione, spiegassero loro perché pagare la TARSU deve essere  un obbligo di legge, ed è giusto che lo sia,  mentre  tutti i servizi  e doveri  dell’AMIU non devono essere tali.

venerdì 5 Ottobre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti