Cronaca

Palese, quei pericolosi binari senza un efficiente passaggio a livello

Gaetano Macina
Sbarre alzate e treno in frenata
3 commenti 284

Ormai sta diventando un’abitudine,  un evento quasi normale a Palese e sempre al solito centralissimo passaggio a livello di via Priolo a Palese.

Sbarre alzate e treni in transito mentre i palesini si stanno adeguando ad attraversare i binari con le sbarre alzate con molta attenzione e altrettanta preoccupazione, non fidandosi troppo della efficienza operativa delle ex-Ferrovie dello Stato o dei suoi apparecchi di controllo. L’ultimo episodio è accaduto Venerdì scorso verso le ore 11,30 sempre in via Priolo.

Il treno, proveniente da Bari, fermatosi alla stazioncina di Palese, riprendeva la sua corsa, ma il macchinista  intuito prima e poi constatato che il passaggio a livello era aperto a causa di un guasto alle sbarre, molto diligentemente arrestava il convoglio a "due passi" dal passaggio a livello, permettendo ai veicoli di attraversare.

Un plauso al macchinista, ma un elogio più grande va ad una signora gentile e temeraria che, nonostante avesse le mani incollate al carrozzino, dove beatamente ed ignaro del pericolo dormiva il suo bambino, avvertiva le macchine in procinto di attraversare il passaggio a livello che stava passando il treno, facendo loro il segno di fermarsi.

martedì 18 Settembre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
3 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Nicola Amoruso
Nicola Amoruso
9 anni fa

…il tutto mentre il Comune e la Circoscrizione sonnecchiano, approfittando anche della “spavalderia” e dell’ingenuità dei palesini che continuano ad attraversare i binari (donne, bambini, cani, gatti, uomini) mettendo a rischio la loro pelle anzichè organizzare delle forme di protesta e disobbedienza civile.

VITO DI CILLO
VITO DI CILLO
9 anni fa

PURTROPPO SEMBRA UN FILM GIA’ VISTO. DAL 2004 AL 2009 LO STESSO EPISODIO E’ CAPITATO TRE VOLTE, E SEMPRE NELLO STESSO PASSAGGIO A LIVELLO. IN UNO DEI TRE CASI LA CIRCOSCRIZIONE PREMIO’ UN CITTADINO CHE AVEVA SALVATO LA VITA AD UN CITTADINO SORDO, CHE NON SI ERA ACCORTO DEL SOPRAGGIUNGERE DEL TRENO, SALVANDOLO DA MORTE CERTA. CREDO SIA OPPORTUNO CHE LA MAGISTRATURA APRA UN’INCHIESTA CIRCOSTANZIATA, VERIFICANDO LE OPPORTUNE RESPONSABILITA’. QUALCUNO DEVE SALVAGUARDARE LA VITA DEI CITTADINI. MEDITATE GENTE MEDITATE.

Pia Tevelo
Pia Tevelo
9 anni fa

Senza contare le volte che rimane chiuso più di un ora senza che nessuno protesti e/o verifichi l’operato del casellante. E’ chiaro che non frega niente a nessuno compreso chi si sollazza sulle poltrone della coircoscrizione. Si salvi chi può….