Attualità

Approvato lo Statuto, le Facoltà si ri-organizzano

Mariangela Lacriola
Addio Preside e numerosi Dipartimenti disattivati
scrivi un commento 12

Nell’ultimo Senato Accademico tenutosi il 22 luglio scorso, data in cui è entrato in vigore, a tutti gli effetti, lo statuto universitario, si è definito la nuova geografia dei dipartimenti nelle Facoltà.
In questi giorni si sta verificando la tanto temuta rivoluzione nell’assetto organizzativo che vedrà la presenza di pochi Dipartimenti ognuno retto da un Direttore (nominato dal cda, su proposta del Rettore sentito il parere del Senato Accademico). Diremo così addio ai tanti dipartimenti fatiscenti con meno di 40 aderenti e i suoi docenti dovranno scegliere la loro nuova collocazione.

E qualora vi siano professori  “indecisi”?

La loro sorte, ascoltate le preferenze degli stessi, sarà nelle mani del Senato Accademico che le valuterà.
Avverrà una vera e propria fusione in cui docenti sceglieranno, esercitando in un tempo prestabilito il proprio diritto d’opzione, il dipartimento a loro più congeniale gestito appunto da un Direttore che vestirà funzioni simili a quelli di un “Preside”.

E quest’ultimo, “figura” imparziale e dotata un tempo di ampi poteri, che fine farà?

Semplicemente, non esisterà più. Saranno i Direttori di Dipartimento a reggere e gestire, in maniera super partes, le dinamiche di ogni Facoltà.
Presumibilmente è prevista nel c.m. l’elezione dei nuovi Direttori di Dipartimento, il 31 Ottobre la data di chiusura della fase di riorganizzazione e dal 1° Novembre l’insediamento dell’Organo di Governo, nonché dell’assunzione da parte dei Dipartimenti di tutte le proprie funzioni per effetto dello scioglimento delle Facoltà.

Per ora state tranquilli universitari, vigerà il vecchio sistema e, quindi, ritenetevi ancora studenti delle vostre Facoltà.

venerdì 7 Settembre 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti