Calcio

Bari, ecco i deferimenti

Mauro Solazzo
Società accusata di responsabilità oggettiva. Deferito anche il diesse Guido Angelozzi
scrivi un commento 27

Come previsto, sono stati resi noti nella mattinata di oggi i deferimenti decisi dal Procuratore Federale Stefano Palazzi in merito ai filoni di inchiesta sul calcioscommesse delle procure di Bari e Cremona.

La società A.S. Bari, alla pari di altre undici società, è stata accusata di responsabilità oggettiva, per i comportamenti legati ai propri tesserati nelle gare di campionato incriminate (che ricordiamo essere Bari-Sampdoria, Cesena-Bari, Palermo-Bari, Bari-Lecce e Bologna-Bari della stagione 2010-11 e Udinese-Bari della stagione 2009-10). Scongiurata dunque l’accusa di responsabilità diretta (che ha colpito il Lecce ed il Grosseto), che come conseguenza avrebbe potuto anche portare alla retrocessione diretta in LegaPro.

Oltre alla società, sono stati deferiti gli oramai ex-biancorossi Parisi, Bonucci, Padelli, Rossi, Andrea Masiello, Bentivoglio, l’ex –capitano Bellavista, Salvatore Masiello, Belmonte, Gervasoni (periodo di tesseramento nel Piacenza), Esposito (per fatti inerenti a gare con la maglia del Portogruaro), Guberti (per fatti legati alla sua militanza nella Sampdoria), Carobbio e Stellini (gli ultimi due relativamente a fatti legati al tesseramento nel Siena).

Infine, i deferimenti hanno colpito anche Bortolo Mutti e Guido Angelozzi, all’epoca dei fatti rispettivamente allenatore e direttore sportivo del Bari. Ora si attendono le richieste dell’accusa: per il Bari i punti di penalizzazione proposti potrebbero essere dodici.

giovedì 26 Luglio 2012

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti